Palco Off: “Didon Now”

Dal 17 al 19 gennaio al Teatro Libero, Milano

0
595

Didon NowDal 2015 al TEATRO LIBERO, LAssociazione “La Memoria del Teatro”, con sedi a Milano e Catania, diretta artisticamente da Francesca Vitale, attrice, autrice e regista, con la direzione organizzativa di Renato Lombardo, già presidente del Teatro Libero e direttore del Milano Off Fringe Festival, organizza la rassegna teatrale PALCO OFF – Autori, Attori e storie di Sicilia.

Da gennaio ad aprile in cartellone 5 spettacoli (in totale 15 repliche) con un format che prevede degustazioni di prodotti siciliani prima dell’inizio degli spettacoli e dopo degli incontri con gli attori e importanti ospiti per approfondimenti e riflessioni sui temi sviluppati sul palco. Inoltre verranno sorteggiati degli spettatori che riceveranno degli omaggi tipici dell’arte siciliana.

E’ possibile acquistare il carnet Passe-partout Palco OFF che permette la visione di 5 spettacoli al costo di 65,00 euro e 50 euro in promozione natalizia sino al 7 gennaio.

Apre la rassegna il 17 gennaio DIDON NOW, testo di Lina Prosa con Elisa Di Dio e Giorgio Cannata, Regia e coreografie Andrea Saitta, scene e costumi Luca Manuali, musiche di Michele di Leonardo.

Lo spettacolo, che è già andato in scena al Teatro dEssai di San Cataldo, al Teatro della Posta Vecchia di Agrigento, al Circolo di Cultura di Sciacca, allo Spazio Franco di Palermo, al Teatro Garibaldi di Enna, porta sul palco una regina, una ierofania della Madre mediterranea, una profuga, un’eroina cantata da poeti antichi e dell’oggi o forse più.

Ce la racconta la drammaturga Lina Prosa, ce la restituisce sulla scena la Compagnia dell’Arpa, nell’interpretazione di Elisa Di Dio, nella vibrazione di corpo e gesto di Giorgio Cannata, per la regia di Andrea Saitta.

Al di là dell’epos virgiliano, che fa di lei una donna combattuta fra la fedeltà alla memoria del marito morto e il nuovo prepotente, sentimento che la spinge verso Enea, con l’esito tragico a tutti noto, Didone è una straordinaria donna che intraprende il cammino fra mare e deserto, e guida il suo popolo sulle sponde di un mare nuovo.

È la fondatrice di una città, è la guida sicura di un popolo che fugge dalla follia della tirannide, è pellegrina e capa, prima che amante.

Questa Didone vive delle sue pelli, si trasforma, muta, sperimenta l’erranza del viaggio e del cuore, brucia nel fuoco della sua coerenza: coerenza al ruolo di donna di potere, coerenza alla vita e all’amore, vissuto come sponda di un mare senza approdo.

In una scena rarefatta, Didone si muove come corpo narrante, icona dell’autorità conquistata con coraggio, immagine dell’annientamento progressivo, non reversibile, cui la condanna l’innamoramento fatale per Enea.

Contraddittoria, bambina, regina, pazza e saggia. Di lei parlano Ovidio, Dante, Virgilio.

Didone assurge al rango del divino, con il nome di Tanit, ipotasi della grande dea Astarte.

Proveremo noi, non a parlarvene, ma a farla parlare, a far vivere tanto le sue ragioni, quanto le sue irragionevolezze, perché è di questo oscuro miscuglio di buon senso e deragliamento di passioni che è fatta la vita di noi, piccoli umani, e questo alla fine ci piace conoscere e condividere”. (Elisa Di Dio)

——-

* Lina Prosa

Drammaturga e regista, è nata a Calatafimi-Segesta. Premio della Critica Teatrale Italiana per la “Drammaturgia 2015”. Prima autrice e regista italiana messa in scena alla Comédie-Française, nel 2016 è insignita dellonorificenza di “Chevalier des Arts et des Lettres”, da parte del Ministro della Cultura francese. I suoi testi sono tradotti in francese, inglese, catalano, croato, portoghese, tedesco, bretone. Nel 2014 dirige a Parigi al Théâtre Vieux-Colombier la “Trilogia del Naufragio” che si afferma a livello internazionale come opera emblematica della sua scrittura. La Trilogia, (Lampedusa Beach, Lampedusa Snow, Lampedusa Way), è registrata e trasmessa da “France Culture”. Nel triennio 2014-2016, la Trilogia, con la regia dell’autrice è prodotta dal Teatro Biondo Stabile di Palermo e presentata al Piccolo Teatro di Milano nel triennio 2015-2017.

Nel triennio 2016-2018 la Trilogia approda a Lampedusa nellambito di “LampedusAmore”. Nel 2016, a Zagabria, produzione di Hotel Bulic Theatre regia di Senka Bulic. Nel 2016 con la regia di Irina Brook il testo viene prodotto dal Teatro Nazionale di Nizza. Nello stesso anno, a Johannesburg, il “Market Theatre Laboratory” produce lo spettacolo con la regia di Raissa Brighi che viene presentato al Festival dell’Università di Pretoria (Sud Africa) e premiato con il “Prize Kopanong Arts and Social

Justice”. Nel gennaio 2017, tradotta in Bretone, la Trilogia è diffusa in forma integrale attraverso la Radio Bretone Kerne per il Teatr Piba. Nel 2018 Lampedusa Beach e Lampedusa Snow vanno in scena alla Comedie de Geneve per la regia di Marise Hestier e di Simone Audemars. Lo stesso anno per la regia di Eleonora Romeo “Lampedusa Beach” va in scena ad Avignone. Nel 2016 l’autrice scrive “Ritratto di Naufrago Numero Zero/Appendice alla Trilogia del Naufragio” per il progetto di teatrodanza “Urlo Mediterraneo”, coreografia e regia di Lino Privitera, Teatro Antico di Taormina, 2016.

Nel mese di luglio 2016 Lina Prosa fonda il movimento teatrale “MigraTeatro”. Nel 2018 fonda allinterno del Centro Amazzone di Palermo lo spazio di ricerca e di messa in scena legato al rapporto tra Drammaturgia Classica e Scena Contemporanea dal titolo “ClassicoContemporaneo”.

——–

GLI ALTRI SPETTACOLI DELLA RASSEGNA PALCO OFF

Autori, Attori e storie di Sicilia

Da venerdì 14 a domenica 16 febbraio 20 – LEGITTIMA DIFESA

di Laura Giacobbe, Regia Roberto Bonaventura con F. Natoli, M. Zanghì, G.Capodicasa

Da venerdì 6 a domenica 8 marzo ’20QUANTO RESTA DELLA NOTTE

di e con Salvatore Arena – Produzione Manachuma Teatro

Da venerdì 13 a domenica 15 marzo 20 – CON SORTE

di Giacomo Guarneri con Oriana Martucci

da venerdì 17 a domenica 19 aprile 20ICARO

di Stefano Pirandello, Regia Mario Incudine

http://www.palcooff.it

LEAVE A REPLY