Sussulti Metropolitani (1° edizione)

Dal 27 agosto al 3 settembre nel parco di Villa Montalvo, Campi Bisenzio (FI)

0
255

Sussulti MetropolitaniUn festival della piana fiorentina scandito da spettacoli teatrali dedicati a Jim Morrison e Glenn Gould, presentazioni di libri con Marco Vichi e Filippo Nicosia, concerti con Lorenzo Baglioni e Stefano Corsi (Whisky Trail), otto serate per rilanciare la fruizione e le sinergie culturali della città metropolitana di Firenze, offrendo un calendario di eventi per tutti e a ingresso libero: è la prima edizione di Sussulti metropolitani che si svolgerà dal 27 agosto al 3 settembre nel parco di Villa Montalvo a Campi Bisenzio (presso la Tensostruttura Ubert Scarlini) e nel centro storico della cittadina.

La manifestazione è ideata dalla fondazione Accademia dei Perseveranti, che gestisce il Teatrodante Carlo Monni di Campi Bisenzio, con il patrocinio di Città Metropolitana di Firenze, il sostegno del Comune di Campi Bisenzio, Comune di Scandicci, Comune di Signa, Comune di Lastra a Signa, Comune di Calenzano, Comune di Sesto Fiorentino. L’ingresso agli eventi è gratuito fino a esaurimento posti con prenotazione consigliata (per info e prenotazioni biglietteria@teatrodante.it, 0558979403; Whatsapp 3463038170).

Sussulti metropolitani vuole far crescere i nostri cittadini e portare cultura al nostro territorio – dice Letizia Perini, consigliera della Città metropolitana con delega alle Politiche giovanili e alla cultura – . La Città metropolitana ha lanciato il bando Cultura questa estate proprio per aiutare le associazioni a dar vita ai territori, a creare momenti di cultura, trovare motivi per ritrovarsi e per crescere, ritrovare motivi di svago. Siamo felici di un’iniziativa di così grande respiro, che abbraccia moltissimi dei nostri territori e che accoglierà moltissimi cittadini”.

Dichiara Giampiero Fossi, sindaco del Comune di Signa: “Sussulti metropolitani rappresenta una scelta che unisce tutti i comuni ad ovest di Firenze, con un significato preciso: voler fare ripartire dalla cultura tutto lo sviluppo e tutta la vitalità tipica di un territorio come il nostro, che è parte importante di quella che è la grande area di Firenze alla quale siamo capaci di fornire spunti importanti. Durante il lockdown sembrava che tutto fosse finito, ma noi abbiamo continuato a lavorare per la progettazione di un festival che ha una caratteristica importante, ruoterà nei territori dei vari comuni, rivitalizzando la piana fiorentina. Sarà un momento di rinascita e di incontro, con tutte le garanzie per la salute e con proposte artistiche di alto livello”.

Siamo orgogliosi che questa edizione zero parta proprio da Campi, dal Parco Urbano di Villa Montalvo – commenta Giorgia Salvatori, assessore del Comune di Campi Bisenzio con deleghe alle Politiche giovanili e Distretto dell’Economia Civile – . È una rassegna ideata e immaginata durante il lockdown e che si continuerà a progettare in rete con gli altri comuni della piana. L’obiettivo è quello di raccontare la qualità dei nostri territori come una vera e propria rete metropolitana, attraverso un network che oltrepassa i confini, con una visione ampia e innovativa e con la cultura tra i motori della ripresa. Quei ‘sussulti’ vissuti durante il confinamento ci hanno spinto a trovare soluzioni positive per ritornare a vivere i luoghi e a stare insieme, a parlare di cultura e comunità”.

Sussulti metropolitani, non è solo un festival – dichiara Andrea Bruno Savelli, direttore artistico della rassegna – ma rappresenta la reazione e l’emozione che ha avuto il mondo della cultura, quella che ama mischiarsi con la gente, quella che ama la definizione popolare, sia durante il lockdown, quando si è sentita un po’ messa da parte, sia quando è arrivato il momento di ripartire. Una manifestazione che nasce per diventare un appuntamento centrale per tutti i paesi della piana e della città metropolitana che hanno aderito a questo progetto. Si parte con Campi Bisenzio per l’edizione 2020 ma l’idea sarebbe quella di organizzare la manifestazione, ogni anno in un comune diverso per far sì che diventi l’appuntamento dell’estate della città metropolitana.”

Ad aprire la rassegna giovedì 27 agosto alle ore 21 sarà lo show di Lorenzo Baglioni, che sul palco insieme a Lorenzo Furferi alla testiera, racconterà e canterà attraverso i brani tratti dal suo album “Bella prof!” il mondo della didattica e della scuola, tra congiuntivi e polinomi da scomporre, tra ossidoriduzioni e leggi di Kepler.

Venerdì 28 agosto ore 21 sarà la volta con lo spettacolo “Improvisti” della compagnia Areamista, sul palco Alberto Ceville, Gregory Eve, Elena Molino e Mirko Manetti che si destreggeranno tra sketch comici e di improvvisazione guidati dal pubblico in sala.

Sabato 29 agosto ore 21 va in scena il monologo musicale interprato da Luca Avagliano dal titolo Niente panico* *vaneggiamenti di un patafisico involontario”. In un’ora circa Luca Avagliano mette in scena una quantità strabiliante di personaggi in un incontenibile flusso di “Incoscienza”, che spazierà dalla poesia al catechismo, dalla scienza alla saggezza popolare, dalla psicanalisi all’equitazione, dall’amore agli alieni.

Domenica 30 agosto ore 21 protagonista della serata sarà uno dei più celebri e amati musicisti di tutti tempi. Lo spettacolo “Essere Jim Morrison” di Andrea Bruno Savelli, sarà un racconto della vita del carismatico leader dei The Doors attraverso la sua musica, le sue parole, che spesso sfociavano in poesia, oltre che i suoi pensieri. Nicola Pecci, eclettico cantautore e attore pratese, interpreterà dal vivo alcuni dei più grandi successi di Morrison tra cui Light my fire, Break on through e Roadhouse blues.

Lunedì 31 agosto ore 20.45 la serata si aprirà con un incontro con Marco Vichi, lo scrittore fiorentino creatore del personaggio del Commissario Bordelli. A seguire alle ore 22 in scena lo spettacolo “L’inquilino” adattamento teatrale dell’omonimo romanzo di Vichi, prodotto da La macchina del suono, con sul palco Elena Talenti, Fabrizio Checcacci, Roberto Andrioli, Lorenzo Degl’Innocenti.

Martedì 1 settembre altra serata dedicata alla letteratura con la presentazione in forma spettacolare del romanzo “Come un animale” di Filippo Nicosia. A seguire alle 22 concerto di Arpa Celtica sotto le stelle con Stefano Corsi, sarà possibile sdraiarsi sotto la volta celeste sul prato accompagnati dalle note magiche di questo strimento (È consigliato portarsi una coperta).

Mercoledì 2 settembre ore 20.45 sarà la volta del racconto a quattro voci dei momenti salienti della carriera del ciclista Gastone Nencini. “Gastone – il sale di un campione” è una piéce teatrale di e con Giovanni Nencini, Marco Pasquini, Riccardo Nencini, Marco Ballestracci. musica di One Man Pier, ukulele e voce.

Alle ore 22.30 andrà in scena “La sedia nana – Frammenti anticonvenzionali su Glenn Gould” un atto unico musicale di e con Marco Ballestracci dedicato all’eccentrico pianista classico, divenuto una sorta di icona pop.

Chiude la rassegna giovedì 3 settembre alle ore 21 “Walking Thérapie” psico camminata urbana per le vie di Campi Bisenzo. Lo spettacolo itinerante prodotto da Pupi e Fresedde – Teatro di Rifredi Centro di Produzione Teatrale Firenze e curata da Angelo Savelli accompagnerà il pubblico in una esilarante passeggiata per la città guidati da un terapeuta e da un ex paziente.

Lo scopo di “Sussulti Metropolitani” è quello promuovere collaborazioni, stimoli e influenze del mondo culturale del territorio della piana fiorentina, non più inteso come spazio definito ma che si allarga ed espande senza limiti geografici. Essenziale è dunque la creazione di una rete che riunisca le realtà culturali dei territori coinvolti al fine di realizzare progetti condivisi, coinvolgere attivamente le istituzioni locali per incentivare a valorizzare la partecipazione dei cittadini, mantenere alto l’obiettivo di realizzare manifestazioni culturali e artistiche che producano ricadute sui territori e stimolino dinamiche locali di crescita e arricchimento culturale, sociale ed economico.

LEAVE A REPLY