Beatrice Venezi dirige l’Orchestra Filarmonica Italiana

In una riproduzione unica e spettacolare di "The Royal Fireworks", il 3 agosto nell'ambito di CortinAteatro

630

CortinAteatro, la stagione concertistica e teatrale ampezzana coorganizzata dal Comune di Cortina d’Ampezzo e dall’associazione Musincantus con la collaborazione del Teatro Stabile del Veneto, giunge all’apice della programmazione. La musica sale a 2 mila metri per un evento senza precedenti, realizzato grazie alla partnership con Banca Generali Private*: sulla Parete Ovest delle Cinque Torri martedì 3 agosto alle 20.45 l’appuntamento sarà con il concerto site specific The Royal Fireworks di Georg Friedrich Händel, con l’Orchestra Filarmonica Italiana dal vivo diretta da Beatrice Venezi, direttore principale ospite dell’Orchestra della Toscana e direttore principale dell’Orchestra da Camera Milano Classica e testimonial della Banca private. Completeranno lo spettacolo i giochi di luce di Marco Filibeck, light designer del Teatro alla Scala che attraverso il progetto luminoso creato ad hoc per l’occasione ricreerà l’idea dello spettacolo del 1749 sul Tamigi.

The Royal Fireworks è uno spettacolo che si compone di grandi protagonisti, grande musica, location senza eguali e sarà messo in scena nella sola data di martedì 3 agosto per 1.500 privilegiati spettatori che potranno raggiungere il palcoscenico naturale sulla parete ovest delle Cinque Torri in seggiovia. 

La scelta di optare per i giochi di luce al posto degli originali fuochi artificiali e quella di rendere la location raggiungibile solo attraverso l’impianto di risalita testimonia l’anima green dell’evento, volto a valorizzare e preservare lo splendore delle Dolomiti ampezzane, patrimonio Unesco.

Come fu per la prima esecuzione dei Royal Fireworks, – spiega Edoardo Bottacin, direttore artistico di CortinAteatro e presidente di Musincantusanche in questo caso realizzeremo uno spettacolo indimenticabile, un’esperienza artistica ad altissima emozione. Altre manifestazioni ed eventi celebrano la montagna attraverso la musica, tuttavia mai prima d’ora è stato ospitato nella Conca Ampezzana il concerto di un’orchestra di 30 elementi accompagnato da una coreografia luminosa così complessa, che prevede oltre 60 fari e apparecchi illuminotecnici e una squadra di 10 professionisti”.

“L’estate culturale ampezzana – precisa Gianpietro Ghedina, sindaco del Comune di Cortina d’Ampezzocontinua con uno speciale evento fuori porta. Nello spettacolo “The Royal Fireworks” di Georg Friedrich Handel, coorganizzato dal Comune di Cortina e l’associazione Musincantus, sarà protagonista lo straordinario scenario delle Cinque Torri, che verranno illuminate con giochi di luce, insieme ad un’orchestra di grandi interpreti internazionali, in un connubio tra eccellenza artistica e straordinaria bellezza paesaggistica. Cortina d’Ampezzo è lieta di ospitare questo spettacolo unico che saprà stupirci ed emozionarci, una gemma nella nostra ricca offerta culturale che celebra la musica, il teatro, l’arte e la letteratura.

Come Banca private attenta alla cura dei patrimoni delle famiglie, – ha commentato Massimiliano Ruggiero, Area Manager di Banca Generali Private nel Nordestsiamo consapevoli del nostro ruolo all’interno della società in cui operiamo. Per questo motivo siamo felici di sostenere Beatrice in questa iniziativa che unisce due eccellenze del nostro territorio: le meraviglie naturalistiche di Cortina e la passione per la grande musica classica che caratterizza il nostro territorio. L’ultimo anno e mezzo ha rappresentato un periodo di forte difficoltà sia dal punto di vista sanitario che sociale ed economico. Ci auguriamo che una iniziativa di questo tipo possa portare la spinta per una vera ripartenza così da lasciarci finalmente alle spalle questa pandemia”. 

I protagonisti. L’Orchestra Filarmonica Italiana attesta oggi una significativa presenza nei maggiori enti lirici e teatri nazionali e per svariate manifestazioni musicali trasmesse dalla Rai, dalla Rete Vaticana ma anche in mondovisione, contando esecuzioni di un vasto repertorio che spazia dai maggiori titoli verdiani ai capolavori di Mozart, Rossini, Bizet, fino al balletto. L’orchestra vanta inoltre collaborazioni con alcuni dei maggiori talenti vocali del mondo, tra cui Jessica Prat, Mariella Devia, Raina Kabaivanska, Ghena Dimitrova, Katia Ricciarelli, Josè Carreras, Josè Cura, Renato Bruson, Cecilia Gasdia e Tiziana Fabbricini ed una vasta esperienza sinfonica, sotto bacchette del calibro di Marcello Allemandi, Nello Santi, Marcello Viotti, Yuri Ahronovitch, Marko Letonja e molti altri. La qualità delle interpretazioni dell’Orchestra, unita alla duttilità dell’ensemble, le permettono di spaziare dal grande repertorio sinfonico e lirico del Settecento alle sonorità del nostro tempo.

La compagine sarà diretta da Beatrice Venezi, trentun anni originaria di Lucca: è tra i più giovani direttori d’orchestra italiani e una delle poche professioniste femminili nel settore nonché la donna più giovane a dirigere un’orchestra in Europa. La si ricorda sul palco del Teatro Ariston di Sanremo, lo scorso marzo, quando, al presentatore del Festival della Canzone Italiana Amadeus che chiedeva come voleva essere chiamata, Venezi ha risposto: “Per me quello che conta è il talento e la preparazione con cui si svolge un determinato lavoro. Le professioni hanno un nome preciso e nel mio caso è ‘direttore d’orchestra'”. La partecipazione di Beatrice Venezi è resa possibile anche grazie alla partnership con Banca Generali Private, società di cui la giovane musicista è testimonial dal 2019. 

Un altro protagonista, che non comparirà in scena, ma sarà determinante nella composizione dello spettacolo, sarà Marco Filibeck, light designer del Teatro alla Scala dal 2009. Tra i capolavori di Filibeck c’è l’opera Madama Butterfly (l’ultima rappresentazione che ha curato è quella messa in scena al Circo Massimo a Roma un un paio di settimane fa) e, per quel che riguarda il balletto, il Don Chisciotte, che ha portato in scena per ben 16 volte e, dal 2008, le produzioni di balletto Roberto Bolle & Friends nei più importanti siti archeologici italiani. Nel 2017 nel portare in scena Il Ratto dal serraglio di Streheler ha cercato di rispettare l’autenticità dell’opera persino nelle luci. Sempre sua è stata anche l’illuminazione della mostra alla Scala del 2018 dedicata a Maria Callas, per il quarantesimo anniversario della scomparsa della cantante.

La musica, attraverso la storia. Il 27 aprile 1749 al Green Park di Londra viene eseguita la suite di Händel Music for the Royal Fireworks: l’occasione è celebrare la Pace di Aquisgrana del 18 ottobre 1748, che pone fine alla Guerra di successione austriaca. La composizione è commissionata dal Re Giorgio II e viene eseguita accompagnata da spettacolari fuochi d’artificio che incantano un pubblico di oltre 12mila persone.

La suite di Händel è stata riproposta il 1º giugno 2002 nei giardini di Buckingham Palace, a Londra, in occasione del 50esimo anniversario di regno della Regina Elisabetta II, corredata da fuochi d’artificio come nel 1749.

La musica reale ora celebrerà Cortina d’Ampezzo, la Regina delle Dolomiti: l’Orchestra Filarmonica Italiana inizierà con la Suite per orchestra n°3 BWV 1068 di Johan Sebastian Bach per proseguire con la Suite per orchestra The Royal Fireworks music HWV 351 di Händel.

Lo spettacolo luminoso. I giochi magici di luce rinnovano e attualizzano lo spettacolo, donando nuova enfasi alle note e regalando un’emozione senza precedenti al pubblico giunto in quota. Nel silenzio dei 2000 metri di altitudine solo le note dell’orchestra, nel buio della notte dolomitica solo i colori, l’intensità, il ritmo della luce led, che accarezzeranno i profili delle pareti e delle cime rocciose. Una soluzione a bassissimo impatto ambientale, perché l’arte è davvero tale se include anche il rispetto.

La location. Dalle rive del Tamigi alle Cinque Torri di Cortina d’Ampezzo, dall’Inghilterra all’Italia: non sarà un fiume ma le montagne più belle del mondo ad ospitare la musica reale di Handel, per celebrare una regina immortale, la Regina delle Dolomiti. Il pubblico si accomoderà sui prati prospicenti il Rifugio Scoiattoli e da qui potrà immergersi in un’esperienza visiva e d’ascolto unica, che non ha precedenti né avrà repliche. 

CortinAteatro realizza partnership mirate per i propri eventi, The Royal Fireworks è reso possibile dal sostegno di Banca Generali Private, a cui si aggiunge il supporto di My Venice Art Food & Wine.

Biglietti: intero euro 20,00, ridotto under 20 euro 13,00 (comprensivi di seggiovia), in vendita su Vivaticket.com, all’Infopoint di Cortina d’Ampezzo e alla Cooperativa di Cortina.

Info e prenotazioni: Regole d’Ampezzo c/o Museo Mario Rimoldi, tel. 0436 2206

In caso di maltempo lo spettacolo sarà rinviato a mercoledì 4 agosto.

Indicazioni per la partecipazione:

Ore 19.15 apertura seggiovia

Ore 22.00 fine spettacolo 

Ore 23.00 chiusura seggiovia

Info: musincantus.it