Nasce la «Rivista La città dei lettori»

Scrittori e scrittrici, amici della Città dei lettori parlano di un libro che hanno amato, dal 20 luglio in libreria

0
193

Dal 20 luglio sarà disponibile in tutte le librerie la nuova «Rivista La città dei lettori», diretta da Gabriele Ametrano, curata dall’Associazione Wimbledon APS e pubblicata da Edizioni Clichy. Una rivista letteraria legata al Festival La città dei lettori, nato nel 2018 a Firenze, a Villa Bardini e sin dall’inizio punto di riferimento per i lettori di tutta Italia.

La nuova «Rivista La città dei lettori» vuole essere uno spazio di lettura e condivisione. Inaugurata sul sito www.lacittadeilettori.it, ha riscosso subito un grande successo e diventa oggi una rivista in formato cartaceo distribuita nelle librerie di tutta Italia, nella quale sono gli scrittori a parlare delle proprie letture. 

Un invito alla lettura che richiama lo slogan del festival: “Leggere cambia tutto”. Perché leggere cambia i nostri orizzonti, le nostre conoscenze, il nostro sguardo sulla realtà.

Il primo numero della rivista letteraria vedrà tra le sue firme alcuni dei protagonisti delle scorse edizioni del festival e di scrittori, giornalisti e operatori culturali amici del festival: Valerio Aiolli, Tamara Baris, Sara Bilotti, Silvia Bottani, Aisha Cerami, Serena Ferraiolo, Ilaria Gaspari, Cristiano Governa, Simone Innocenti, Cristina Marconi, Raffaella Martinelli, Lilith Moscon, Francesco Musolino, Giorgio Nisini, Caterina Orsenigo, Niccolò Protti, Michele Rossi, Gabriele Sabatini, Antonello Sarro, Alberto Schiavone, Caterina Soffici, Simone Stacchini, Luca Starita, Maria Teresa Tanzilli, Marco Vichi. 

«Sono molto felice e anche emozionato di portare in libreria il primo numero di questa rivista. Per ciò che significa per la nostra città e più in generale per il mondo letterario. Credo ancora molto nella carta, pur riconoscendo l’immenso valore che il web ha avuto nell’aver ampliato il panorama di proposta anche in senso democratico. Questo primo numero, che è poi un “libro” di critica e di proposta narrativa, segna un momento non trascurabile per il mondo letterario italiano. Ma c’è anche un motivo strettamente personale a emozionarmi: ho conosciuto Gabriele Ametrano, l’inventore del festival e della rivista, quando arrivò giovanissimo a Firenze portandosi dietro due libri di poesie che amai subito, ed è stato con me e la rivista letteraria che allora dirigevo che lui ha iniziato il suo percorso, poi divenuto assai lungo e pieno di bellissime cose. Essere l’editore della sua rivista è per me come riprendere quel filo così lontano e importante e ridargli una nuova vita».

Tommaso Gurrieri, Direttore Editoriale di Edizioni Clichy

«Ho sempre creduto e credo ancora nella lettura come possibilità di crescita personale e collettiva. Da questa convinzione, insieme a Gianluca Caputo e Martina Lazzerini dell’Associazione Wimbledon APS, abbiamo pensato ad un luogo per chi avesse voglia di leggere e approfondire le proprie esperienze con le parole degli autori. Nasce così La città dei lettori: il festival, i progetti nel territorio toscano, lo spazio web ed oggi il primo numero della “Rivista La città dei lettori”. Sono grato ad Edizioni Clichy, a Tommaso Gurrieri e Franziska Peltenburg-Brechneff, di aver accolto questo progetto nella loro casa editrice. È un’opportunità di crescita del progetto La città dei lettori e la realizzazione di un’idea che, a causa dell’emergenza sanitaria, si era fermata alla prima tappa web. Sono particolarmente felice e onorato di fare questo nuovo passo con Tommaso, che fu guida e direttore della mia prima esperienza giornalistica. Sono sicuro che la passione per la lettura e l’editoria che ci unisce porterà la “Rivista La città dei lettori” a grandi soddisfazioni».

Gabriele Ametrano, Direttore La città dei lettori

Le attività del progetto culturale La città dei lettori e della sua rivista ricevono la collaborazione e il contributo della Fondazione CR Firenze.

«Rivista La città dei lettori»

Anno I, numero I

Edizioni Clichy

Euro 10

In libreria dal 20 luglio

LEAVE A REPLY