Film Society: il programma della settimana

292

21 agosto TEATRO INDIA | ore 21.00

proiezione First Cow

con René Auberjonois, Dylan Smith (II), Todd A. Robinson, Orion Lee, John Keating

regia Kelly Reichardt

esclusiva a Roma

~~~~

22 agosto TEATRO INDIA | ore 21.00

proiezione A classic horror story 

con Matilda Luta, Francesco Russo, Peppino Mazzotta, Yuliia Sobol, Will Merrick, Alida Calabria, Cristina Donadio

regia Roberto De Feo e Paolo Strippoli

serata-evento in collaborazione con Netflix, gli autori saranno presenti in sala.

Il cinema sotto le stelle è un must dell’estate e all’arena di Film Society 2021 – AltraVisione al Teatro India questo fine settimana è possibile vedere una selezione accurata di film nazionali e internazionali, assistere a uscite recenti, come l’esclusiva romana MUBI First Cow, l’acclamata opera magna della regista americana Kelly Reichardt, e la serata-evento, in collaborazione con Netflix, per la presentazione del film A classic horror story dei registi Roberto De Feo e Paolo Strippoli, che saranno presenti in sala insieme al cast.

Sabato 21 è possibile vedere in esclusiva a Roma la pellicola MUBI First Cow della pluripremiata regista americana Kelly Reichardt, (Meek’s Cutoff Il sentiero di Meek, Wendy and Lucy), un’avvincente e gloriosa storia di amicizia ambientata nel vecchio West. Un cuoco solitario e taciturno (John Magaro) in viaggio verso Ovest si unisce a un gruppo di cacciatori di pellicce dell’Oregon, ma l’unica persona con cui sente una reale affinità è un immigrato cinese (Orion Lee), in cerca anche lui di fortuna. Presto i due scoprono come realizzare il loro “sogno americano”: derubare un ricco proprietario terriero del latte della sua preziosa vacca, la prima e unica del territorio, per fare deliziose frittelle da vendere al mercato. Queste le semplici premesse con cui Kelly Reichardt dipinge una magnifica storia di amicizia e un ritratto autentico della vita di frontiera all’inizio del diciannovesimo secolo, descrivendo l’immensa e inquietante tranquillità dell’America rurale e interrogandosi sulle vere fondamenta sulle quali il paese è stato costruito. Combinando una fotografia sontuosa a una delicata e malinconica storia di latticini rubati, deliziosi dolcetti e amicizia vecchio stile, First Cow è l’acclamata opera magna di una delle più vitali cineaste indipendenti, che oltre ad essere un sottile studio dei due personaggi, si propone anche come un’analisi critica del capitalismo americano, un esame della spietata logica che governa il meccanismo di domanda e offerta che emerge come riflessione ambivalente sul tanto celebrato spirito d’impresa del paese.

Domenica 22 è possibile assistere alla proiezione di A classic horror story, il nuovo film uscito lo scorso 14 luglio solo su Netflix di Roberto De Feo e Paolo Strippoli, presenti in sala a introdurre il film con gli attori Francesco Russo e Matilda Lutz in una serata-evento in collaborazione con Netflix presentata dal critico Francesco Alò. Cinque carpooler viaggiano a bordo di un camper per raggiungere una destinazione comune. Cala la notte e per evitare la carcassa di un animale si schiantano contro un albero. Quando riprendono i sensi si ritrovano in mezzo al nulla. La strada che stavano percorrendo è scomparsa; ora c’è solo un bosco fitto e impenetrabile e una casa di legno in mezzo ad una radura. Scopriranno presto che è la dimora di un culto innominabile. Come sono arrivati lì? Cosa è successo veramente dopo l’incidente? Chi sono le creature mascherate raffigurate sui dipinti nella casa? Potranno fidarsi l’uno dell’altro per cercare di uscire dall’incubo in cui sono rimasti intrappolati? Il progetto del film nasce dal rapporto di Colorado Film con il regista Roberto De Feo, giovane esperto e appassionato di cinema di genere. A lui si è aggiunto l’apporto di Paolo Strippoli, ancor più giovane regista esordiente di grande preparazione. The Nest (Il Nido), primo lungometraggio di De Feo, ha segnato la prima occasione di collaborazione di successo, con la partecipazione del film al Festival di Locarno e un ottimo risultato di pubblico e critica. Con A classic horror story l’intenzione era quella di realizzare un horror ancora più forte, più spinto, che recuperasse un genere che in Italia ha una forte tradizione fin dagli anni Settanta/Ottanta e che ha rappresentato una delle bandiere dell’export del cinema italiano, venendo poi dimenticato negli anni a seguire.

Prodotta da Luci Ombre, Film Society 2021 – AltraVisione, la rassegna di cinema italiano e internazionale diretta da Cristiano Gerbino e Claudia Solano, conferma la sua vocazione di hub d’arte cinematografica, articolato in una serie di attività culturali di approfondimento e formative come masterclass, presentazioni e incontri con autori e registi, e si spinge ambiziosamente in un terreno nuovo: l’arena diffusa. Ai suggestivi spazi all’aperto del Teatro India infatti quest’anno si aggiungono nuovi luoghi, divisi in due città e ciascuno con una proposta tematica diversa: Monk e Casetta Rossa a Roma e Bunker a Torino. La struttura della rassegna è quella di una nuova grande arena di cinema in cui spazi fisici e virtuali delle piattaforme online si fondono nel desiderio di rinnovare il dialogo e il coinvolgimento del pubblico secondo le esigenze di fruizione più attuali.

Centotrenta proiezioni tra film, documentari e cortometraggi, quaranta incontri, dieci lezioni aperte sul cinema e la serialità, sonorizzazioni live e una selezione di oltre 25 film online fino al 13 settembre. 

Eccellenti le collaborazioni di questa edizione con MUBI, Rai Cinema Channel, Teatro di Roma, TorinoFilmLab, Associazione 100autori, DEA – Donne e audiovisivo, CSC Animazione, ASIFA, e sofisticata e di altissima qualità la proposta dei film selezionati tra inediti internazionali, grandi classici italiani e stranieri, documentari di attualità, cinema contemporaneo, coming-of age e animazione d’autore. Molte delle pellicole in programma, premiate nei maggiori festival internazionali, dal Sundance a Toronto, da Venezia a Cannes, Rotterdam, San Sebastian, Sxsw, Tribeca, Berlino, Locarno, saranno presentate per l’occasione da personalità del cinema, del giornalismo, della critica. A fare da traghettatore fra tutti gli incontri, gli eventi e le proiezioni, oltre la coppia di direttori artistici, ci sarà il critico cinematografico Francesco Alò. 

Film Society 2021 – Altra Visione

5 luglio – 13 settembre

TEATRO INDIA – Roma Ostiense

Altra Visione – a India, l’estate al cinema

19 luglio – 22 agosto

Nuove uscite e grandi classici italiani e internazionali 

Lungotevere Vittorio Gassman, 1 | Roma

Masterclass ore 18.00 – Ingresso gratuiti

Incontri ore 20.00 – Ingresso gratuito

Proiezioni ore 21.00

Biglietti sia gratuiti che a pagamento (€7) disponibili a partire dalle ore 20.00 fino ad esaurimento posti

Il progetto, promosso da Roma Culture, è vincitore dell’Avviso pubblico Estate Romana 2020-2021-2022 curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE.

MONK – Roma Portonaccio

13 luglio – 5 settembre

Cinema italiano, documentari e indie internazionali

Via Giuseppe Mirri, 35 | Roma

Incontri ore 20.00

Proiezioni ore 21.00

Ingresso €6

Il programma può subire variazioni

Film Society – Altra Visione è un progetto di cinema indipendente e libero che raccoglie il meglio della produzione cinematografica mondiale e le novità più interessanti dell’ultima stagione ed è per sua natura articolato in una serie organica di attività collaterali e parallele: incontri, masterclass, approfondimenti, presentazioni e interviste con esperti e operatori del settore. Non solo programmazione di film dunque, ma anche una sezione di incontri totalmente gratuiti con professionisti del settore, uno scambio senza palchi e cattedre, che unisce e coinvolge il pubblico, e con leggerezza, con apertura, coinvolga anche coloro che normalmente sono meno vicini al cinema arthouse, al cinema classico o all’universo complesso dell’industria cinematografica.

Contatti

info@filmsociety.it
www.facebook.com/FilmSociety.it
www.instagram.com/filmsociety.it/