Danza al Teatro Cantiere Florida per Fabbrica Europa

Domenica 19 settembre ore 21 “Love | Paradisi Artificiali” di Davide Valrosso. Mercoledì 22 settembre ore 21 per il Progetto “Swans never die” le coreografie di Camilla Monga (Swaën), di Collettivo MINE (Living like I know I’m gonna die), di Chiara Bersani (L’Animale) e di Philippe Kratz (Open Drift).

303

Domenica 19 settembre Love | Paradisi artificiali di Davide Valrosso: energie sottili e invisibili guidano tre corpi sulla scena che incarnano le diverse sembianze di un amore che, nel segno del femminile, genera la propria traccia.

 

Per il progetto Swans never die alcuni coreografi del panorama nazionale sono stati chiamati a rileggere in chiave contemporanea “La morte del cigno”, coreografato in origine da Michel Fokine per Anna Pavlova e considerato un pezzo fondamentale della storia della danza del XX secolo. Uno dei classici più noti al mondo diventa così un campo di sperimentazione di stili, tecniche, identità e culture, tra reinvenzione e citazione, tra storia e memoria. Mercoledì 22 settembre Fabbrica Europa presenta in un’unica serata i lavori di Camilla Monga (Swaën), di Collettivo MINE (Living like I know I’m gonna die),

di Chiara Bersani (L’Animale) e di Philippe Kratz (Open Drift).

 

domenica 19 settembre ore 21.00 > Teatro Cantiere Florida, via Pisana 111/r Firenze

DAVIDE VALROSSO

LOVE | Paradisi Artificiali

concept: Davide Valrosso

interpreti: Olimpia Fortuni, Giulia Porcu, Roberta Racis

music producer: Stefano Libertini Protopapa, Pierpaolo Moschino

produzione: NINA

con il sostegno di MiBACT e di SIAE, nell’ambito del programma “Per Chi Crea”

in coproduzione con: C.I.M.D danza contemporanea, Compagnia Körper

con il supporto di Anghiari Dance Hub, a.ArtistiAssociati, Lis Lab/Cross Project, Centro Residenze per la

Toscana Armunia, Next – Laboratorio di idee per la produzione e distribuzione dello spettacolo dal vivo lombardo (Progetto della Regione Lombardia in collaborazione con Fondazione Cariplo)

 

Energie sottili e invisibili guidano tre corpi sulla scena che incarnano le diverse sembianze di un amore che, nel segno del femminile, genera la propria traccia.

Presenze e frammentazioni anatomiche si nutrono di relazioni tra corpi e oggetti, da cui eros | amore trabocca e prende forma; dominate e legate dal rosso – colore dell’amore e della passione, ma anche della violenza, del pericolo e del sangue – generano immagini visionarie che si sgretolano in dinamiche sensuali e di desiderio. Linee e forme geometriche si mescolano e rivelano immagini allucinogene al limite del sogno, capaci di creare mostri o figure sacre, somiglianze, vettori d’urgenza o canali di forza e materia. I Paradisi Artificiali sono segni, incisi e tatuati nello spazio, specchi tangibili di un eros nascosto, protesi di un amore che non è in grado di darsi ma che alla fine, inevitabilmente, ci sovrasta.

Biglietti: intero 13 € / ridotto 10 € _ Prevendita su ticketone.it

 

mercoledì 22 settembre ore 21.00 > Teatro Cantiere Florida, via Pisana 111/r Firenze

SWANS NEVER DIE

Il progetto Swans never die propone di rileggere in chiave contemporanea “La morte del cigno”, coreografato in origine da Michel Fokine per Anna Pavlova e considerato un pezzo fondamentale della storia della danza del XX secolo. Alcuni coreografi del panorama nazionale sono stati chiamati a guardare a uno dei classici più noti al mondo come a un campo di sperimentazione di stili, tecniche, identità e culture, tra reinvenzione e citazione, tra storia e memoria. Il progetto vede coinvolti partner nazionali e internazionali in un’ampia rete di coproduzioni e collaborazioni.

Per Swans never die, Fabbrica Europa presenta in un’unica serata i lavori di Camilla Monga (Swaën), di Collettivo MINE (Living like I know I’m gonna die), di Chiara Bersani (L’Animale) e di Philippe Kratz (Open Drift).

CAMILLA MONGA: Swaën 

coreografia e danza: Camilla Monga
musica eseguita dal vivo: Filippo Vignato ed Emanuele Maniscalco
liberamente ispirata da Il Cigno di Camille Saint-Saëns
creative producer: Marco Burchini
produzione: VAN
coproduzione: Operaestate Festival Veneto e Centro per la Scena Contemporanea CSC Bassano del Grappa; Festival Bolzano Danza – Fondazione Haydn nell’ambito del progetto “Swans never die” che vede coinvolti i partner: Lavanderia a Vapore – Centro di Residenza per la Danza (Piemonte dal Vivo – Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo, Coorpi, Didee Arti e Comunicazioni, Mosaico Danza, Zerogrammi); Triennale Milano Teatro e Fondazione Teatro Grande di Brescia; Gender Bender Festival; “Memory in Motion. Re-Membering Dance History (Mnemedance)” – Università Ca’ Foscari Venezia; DAMS – Università degli Studi di Torino

In Swaën la coreografa e danzatrice Camilla Monga invita due musicisti, il trombonista Filippo Vignato e il polistrumentista Emanuele Maniscalco, a reinterpretare una stessa partitura realizzando una composizione, in parte scritta e in parte improvvisata, che gioca sul tema de “Il Cigno” di Camille Saint-Saëns. Lo stesso principio si traduce anche nella danza, con una struttura coreografica che diventa progressivamente sempre più complessa e si ripete inserendo continue variazioni.

Il titolo “Swaën” è un termine inventato che unisce graficamente il nome del compositore Saint-Saëns alla parola “Swan”, diventando manifesto di un’opera aperta che parte dallo stesso riferimento storico e si arricchisce grazie a nuove interpretazioni per affermare il valore sempre prezioso del dialogo immediato tra musica e danza.

 

COLLETTIVO MINE: Living like I know I’m gonna die

coreografia, invenzione e danza: Francesco Saverio Cavaliere, Fabio Novembrini, Siro Guglielmi, Roberta Racis, Silvia Sisto
suono: F. De Isabella
styling: Ettore Lombardi

foto e video: Tonia Laterza
produzione: Fabbrica Europa, Operaestate Festival Veneto e Centro per la Scena Contemporanea CSC
realizzato nell’ambito del progetto “Swans never die” con il sostegno di Lavanderia a Vapore/Piemonte dal Vivo, Operaestate Festival Veneto e Centro per la Scena Contemporanea CSC, Bassano del Grappa, Triennale Milano, Teatro Brescia, Torinodanza Festival, Festival Bolzano Danza; “Memory in Motion. Re-Membering Dance History (Mnemedance)” – Università Ca’ Foscari Venezia; École Universitaire de Recherche CREATES e Centre Transdisciplinaire d’Épistémologie de la Littérature et des Arts Vivants, Université Côte d’Azur e con il coordinamento scientifico di Susanne Franco

“Mentre parliamo, sarà fuggito avido il tempo. Afferra questo giorno”. [Orazio]

Living like I know I’m gonna die è una danza per cinque corpi. Due coppie e un singolo formano nella reciprocità un gruppo, un corpus unico di braccia allacciate si dispiega in un reticolo di incontri fulminei che attraversano lo spazio con un andamento progressivo e ineludibile.

Il carattere ritmico subitaneo articola un movimento continuo, intensamente fitto e intrinsecamente caduco, destinato a cambiare, dissolversi, finire non senza aver sfidato il tempo e il suo status effimero. Così per Fokine, Anna Pavlova danzava il cigno morente, come una vera lotta contro la morte, incarnando un simbolo costante della transitorietà dell’esistenza e delle cose della vita.

 

CHIARA BERSANI: L’Animale 

di e con Chiara Bersani
scena e luce: Valeria Foti
con la collaborazione di Richard Gargiulo e Sergio Seghettini
drammaturgia vocale: Francesca Della Monica
accompagnamento alla drammaturgia, promozione e cura: Giulia Traversi
accompagnamento alla creazione: Marco D’Agostin / Elena Giannotti
supporto al processo creativo: Federica Della Pozza
logistica e organizzazione: Eleonora Cavallo – amministrazione: Chiara Fava
produzione: corpoceleste c.c.0.0 #
coproduzione: Operaestate Festival Veneto e Centro per la Scena Contemporana CSC (Bassano del Grappa), Fabbrica Europa (Firenze), Bolzano Danza |Tanz Bozen (Bolzano), Gender Bender Festival (Bologna), nell’ambito del progetto “Swans never die”

L’animale è fermo.

L’animale è una casa.

L’animale è un monumento ai caduti.

L’animale è caduto?

No. L’animale era sotto al tavolo quando tutto cadeva.

L’animale viaggia?

No. Ci sono troppi detriti. Potrebbe ferirsi.

Più di così?

Più di così si muore.

L’animale sente i fantasmi.

L’animale ha scelto loro.

Se lo vuoi incontrare, l’animale, devi chiedere permesso.

_ Chiara Bersani _

 

L’anima è come una voliera piena di uccelli. È un luogo in cui il movimento, i colori, lo spostamento dell’aria e le intenzioni diventano carne di ciò che è stato, di ciò che cresce, muta, si spegne, si trasforma in fantasma. Chiara Bersani si avvicina a “La morte del cigno” con il lavoro “L’Animale”: cosa succede quando guardando la profonda notte riusciamo a riconoscerci attraverso il canto?

Giulia Traversi

 

 

PHILIPPE KRATZ: Open Drift

coreografia: Philippe Kratz

performer: Antonio Tafuni e Nagga Baldina

musica: Borderline Order

realizzato su commissione del Festival Operaestate di Bassano del Grappa

nell’ambito della rete “SWANS NEVER DIE”

 

“La transizione è sempre un sollievo. Destinazione significa morte per me. Se riuscissi a trovare un modo per rimanere per sempre in transizione, in ciò che è disconnesso e non familiare, potrei rimanere in uno stato di perpetua libertà”. (David Wojnarowicz, 1992)

“La morte del cigno” di Anna Pavlova e Michel Fokine è una rappresentazione dei momenti finali di un essere vivente e come tale allude all’idea della trasformazione.

Stiamo osservando una creatura che si converte in un diverso stato di esistenza. La vivacità degli ultimi battiti delle ali, l’inquietudine nel continuo spostarsi da sinistra a destra del palco, l’impotenza e il senso dell’abbandono nell’espressione facciale, tutto indica che stiamo assistendo a un atto di conversione. E in effetti, a livello spirituale o filosofico, quando ci riferiamo alla morte tendiamo a usare la parola “passaggio” perché vediamo questo processo come un processo di transizione, proprio come tutta la vita può essere vista come una sequenza di trasformazioni.

È possibile invece incapsulare un singolo momento nel tempo? Con questo duetto ho voluto provare a farlo.

Philippe Kratz

 

Biglietti per la serata: intero 13 € / ridotto 10 €. Prevendita su ticketone.it

È obbligatorio il green pass.

Tutti gli eventi si terranno nel rispetto delle norme anti Covid in vigore.

Prevendite su ticketone.it

o presso PARC, Piazzale delle Cascine 7, dal martedì alla domenica h 18.00 > 20.00

INFO: +39 055 2638480 – 055 365707 | www.fabbricaeuropa.net