“THiNK” il primo festival della cultura digitale

Dal 1° al 3 ottobre a Figline

1195

Ci sono LaSabri e Pika Palindromo, che della loro passione per i videogiochi e il digitale hanno fatto una professione da milioni di follower. Ci sono innovatori, esperti di tecnologia e pionieri del cambiamento: una vera guida al mondo di domani. È THiNK – Festival della cultura digitale, tre giorni di conferenze, incontri e laboratori per conoscere i temi e le sfide della transizione digitale direttamente dai suoi protagonisti. La prima edizione del festival si terrà a Figline, nel Comune di Figline e Incisa Valdarno, il 1°, 2 e 3 ottobre 2021, tra Palazzo Pretorio, il Teatro Garibaldi, la Biblioteca comunale Marsilio Ficino e il Circolo fotografico Arno.

THiNK è un’iniziativa organizzata da Comune di Figline e Incisa Valdarno, Jet’s e SoWhat. Momenti di approfondimento, laboratori per bambini e una grande mostra sulla storia del videogioco, dai primi esperimenti con le manopole all’epoca d’oro dei cabinati, fino ai mondi virtuali delle console di ultima generazione. Con tanto di tornei di Mario Kart. Tutti gli eventi sono gratuiti, necessaria la prenotazione.

Si comincia subito con i superospiti: LaSabri e Pika Palindromo, una coppia (nel lavoro e nella vita) da oltre 2 milioni di follower su YouTube e Instagram. Lei ha cominciato con un canale in cui raccontava la sua passione per i videogiochi, lui è uno dei videomaker più apprezzati e richiesti in Italia. I giovani e giovanissimi che stanno imparando a crescere insieme a loro potranno incontrare i loro beniamini nel doppio appuntamento al Teatro Garibaldi, alle 15.30 e alle 17 di venerdì 1° ottobre. Già aperte le prenotazioni.

Cambiano i mestieri e cambia anche il modo di parlare. “Sei boomer se… Il linguaggio dei giovani spiegato ai meno giovani” è l’incontro in programma a Palazzo Pretorio alle 18.30. In serata, alle 21, il workshop sul rivoluzionario passaggio dall’analogico al digitale della fotografia, al Circolo fotografico Arno.

Ancora generazioni a confronto nel programma di sabato 2 ottobre, con la conferenza “Digital life: nascere, crescere e sopravvivere nel mondo digitale”, un incontro sulle sfide educative che attendono i nativi digitali rivolto soprattutto a genitori ed educatori alle prese con social media, videogames e ambienti phygital. Inizio alle 16 a Teatro Garibaldi.

Nella stessa giornata Palazzo Pretorio ospiterà un tris di approfondimenti tematici. Si parte alle 10 con “Giornalismo digitale: come cambia la professione fra rischi e opportunità”, incontro inserito anche nell’offerta formativa dell’Ordine dei giornalisti della Toscana che riconoscerà 2 crediti formativi ai partecipanti iscritti all’Ordine. Digitale è anche un modo per trovare lavoro. Come? Ad esempio, giocando. “Digital game: cercare lavoro mettendosi in gioco” è un incontro alla scoperta dei serious game, strumenti ludici utili per valutare le proprie competenze. Alle ore 14.30. Non può mancare la più grande tra le sfide che l’era digitale pone all’uomo, quella dell’intelligenza artificiale. Se ne parla a “Intelligenza artificiale: etica, opportunità e rischi”, il panel delle 18.30.

Domenica 3 ottobre, dopo una lezione alla ricerca de “La foto perfetta: tecniche di fotoritocco” (ore 11 al Circolo fotografico Arno), i tre incontri conclusivi a Palazzo Pretorio. Alle 15, tecnologia come ponte tra il mondo fisico e quello virtuale in “Realtà aumentata e marketing: una nuova phygital experience”. È invece dedicato agli effetti dell’informazione nell’era di Facebook l’approfondimento “Fake News, social e disinformazione digitale ai tempi della pandemia”, alle 16.

Anche il turismo non è più lo stesso. La promozione del patrimonio artistico e culturale corre sul web, tra stories e tecniche da vlogger: è “La rivoluzione digitale nel mondo del turismo” e a parlarne, alle ore 17, saranno WikiPedro, nome d’arte di Pietro Resta, youtuber e divulgatore culturale che con i suoi video racconta in modo dissacrante la storia di Firenze e della Toscana, e Ilde Forgione, social media manager delle Gallerie degli Uffizi che nella primavera 2020, in pieno lockdown, ha portato i capolavori del museo su TikTok, inventando un linguaggio tutto nuovo, a tratti perfino provocatorio, tanto da aver attirato le attenzioni anche del New York Times.

A THiNK anche due laboratori riservati ai più piccoli, divertenti attività educative da fare in gruppo per imparare a usare gli strumenti digitali. Il primo è un laboratorio di coding con Scratch, un ambiente di programmazione pensato anche per i progetti pedagogici. Il secondo è un laboratorio di gaming con Minecraft, il più celebre videogioco sandbox al mondo, in cui i giocatori possono esplorare e costruire liberamente un mondo 3D, un mattoncino alla volta. Doppio appuntamento con ciascun laboratorio nelle giornate di sabato 2 e domenica 3 ottobre.

Tutti gli eventi sono gratuiti, ma è obbligatoria la prenotazione sul sito www.thinkfestival.it o per telefono allo 055.9125304.

Per accedere è necessario il Green pass.