IUC, Martin Helmchen in recital

Il debutto del pianista berlinese a Roma, sabato 6 novembre in Aula Magna della Sapienza Università di Roma

371

Martin Helmchen pianoforte

Bach Partita n. 4 in re maggiore BWV 828
Messiaen Brani da Vingt Regards sur l’Enfant Jésus (1944)
Schubert Sonata in do minore D 958

Sempre nel solco della particolare attenzione dedicata dall’Istituzione Universitaria dei Concerti alle star del pianoforte, il 6 novembre vede il debutto a Roma del pluripremiato Martin Helmchen fresco vincitore del Gramophone Classic Music Award con un programma variegato che impagina musiche di Bach, Messiaen e Schubert.

Grande virtuoso ma con un suono sempre molto naturale, il pianista Martin Helmchen, nato a Berlino nel 1982, continua a far parlare di sé nel mondo musicale internazionale che lo descrive come – uno di quegli artisti che possiedono una visione estetica e culturale organica di un’opera e l’abilità tecnica di tradurre esattamente tutti gli aspetti di questi mondi (Le Devoir- Chrisoph Huss 25 Luglio 2015) – un musicista ammirato per il controllo degli equilibri sonori, per la precisione e per la maestria ritmica.

Spesso ospite della Filarmonica di Berlino, dei Filarmonici di Vienna, della London Philarmonic, dell’Orchestra di Birmingham, della Thonalle di Zurigo, dell’Orchestre de Paris e della NHK di Tokyo, l’artista ha collaborato con celebri direttori quali Marc Albrecht, Herbert Blomsted, Christoph von Dohnanyi, Sir Mark Elder, Philippe Herreweghe, Manfred Honeck, Vladimir Jurowski, solo per citarne alcuni.

Martin Helmchen è un musicista continuamente alla ricerca di esperienze ed incontri artistici legati non solo alle orchestre ma anche alla musica da camera. I suoi partner cameristici sono la violoncellista Marie-Elisabeth Hecker, e i violinisti Veronica Eberle, Julia Fischer, Christian Teztlaff, Antje Weithaas, Carolin Widmann e Frank-Peter Zimmermann.

Incide in esclusiva per Alpha Classics con cui ha già pubblicato tre dischi: le Variazioni Diabelli di Beethoven, un secondo con musiche di Schubert con Marie- Elisabeth Hecker e Antje Weithaas e un terzo con le sonate di Brahms per violoncello assieme a Marie- Elisabeth Hecker.

Dal 2020 è iniziata la registrazione dei 5 concerti di Beethoven con la Deutsche Symphony Orchestra e la direzione di Andrew Manze, il cui primo Cd ha ricevuto il Gramophon Classical Music Award 2020.

Programma

Sabato 6 novembre ore 17.30
Martin Helmchen pianoforte

Bach Partita n. 4 in re maggiore BWV 828
Messiaen Brani da Vingt Regards sur l’Enfant Jésus (1944)
Schubert Sonata in do minore D 958

BIGLIETTI:
I-II settore € 18 – III settore/Galleria € 13 – Under 30 € 7
I prezzi si riferiscono a tutti i concerti tranne quelli del 30 settembre, 1° e 2 ottobre che hanno i seguenti prezzi: I-II settore € 25 – III settore € 18 – Galleria € 15 – Under 30 € 7

I biglietti per i concerti potranno essere acquistati telefonicamente alla IUC al n. 06 3610051-2 (carta di credito o bonifico), online sui siti www.concertiiuc.it e www.vivaticket.com

Per accedere ai concerti è necessario esibire il Green pass.
In sala saranno osservate tutte le norme previste dai DPCM anti covid-19 vigenti al momento del concerto. I biglietti degli spettatori sprovvisti di Green pass non sono rimborsabili.

Per informazioni
Tel. 06.3610051-52
www.concertiiuc.it
botteghino@istituzioneuniversitariadeiconcerti.it

REDAZIONE