domenica, Dicembre 3, 2023

Area Riservata

HomeProsa''Pour un oui ou un pour un non'' al Teatro Massimo di...

”Pour un oui ou un pour un non” al Teatro Massimo di Cagliari

Sabato 5 marzo – ore 20.30 – turno D | domenica 6 marzo – ore 19 – turno E

Successo per “Pour un oui ou pour un non” (Per un sì o per un no) di Nathalie Sarraute in cartellone ancora stasera alle 20.30 e domenica 6 marzo alle 19 al Teatro Massimo di Cagliari per la Stagione di Prosa 2021-2022 organizzata dal CeDAC / Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo dal Vivo in Sardegna.

La raffinata commedia – pensata come un radiodramma – è incentrata sul significato delle parole (e dei silenzi) e sulle piccole e grandi incomprensioni e i fraintendimenti che possono minare perfino le basi di una solida amicizia. Sotto i riflettori due artisti del calibro di Umberto Orsini e Franco Branciaroli per la regia di Pier Luigi Pizzi (che firma anche scenografia e costumi) – produzione Compagnia Umberto Orsini e Teatro de Gli Incamminati in collaborazione con CTB / Centro Teatrale Bresciano: “Pour un oui ou pour un non” descrive l’incontro tra due amici dopo un lungo e apparentemente immotivato distacco, le cui cause risalgono, come si scoprirà poi, ad una frase infelice, o pronunciata in modo da ferire, inconsapevolmente, la sensibilità di uno dei due. Una questione sottile, in fondo, ma cruciale per i due protagonisti, che nell’arco di poco più di un’ora si scontrano e dibattono sulle dinamiche del successo e sulla scelta di un’esistenza ritirata, lontano dal clamore mediatico e ripercorrono episodi significativi del loro passato, da cui emergono i loro caratteri, diametralmente opposti e forse per questo complementari.

Quella sorta di antagonismo naturale tra due i temperamenti, l’uno più schivo e riservato, cauto e riflessivo, e perfino puntiglioso l’altro irruente e spontaneo, pronto a lanciarsi in nuove avventure con giovanile spericolatezza, pieno di entusiasmo e passione, deciso a vivere la vita fino in fondo, conduce nell’età matura verso una frattura insanabile, determinata da due visioni inconciliabili.

Nathalie Sarraute pone l’accento sull’ambiguità delle parole e sulle molteplici sfumature affidate ad un’intonazione, una pausa, un sottotesto che è solo possibile intuire: un tema squisitamente filosofico – la distanza tra “le parole e le cose” – che si trasforma in dilemma esistenziale.

Lunghi applausi alla prima sassarese come nelle repliche cagliaritane per Umberto Orsini e Franco Branciaroli, formidabili interpreti di una commedia dolceamara, inedita in Italia, ambientata in una sorta di biblioteca privata, tra file e file, e ancora cataste di volumi oltre a raffinate note di design, dove un piccolo incidente, quasi pretestuoso, durante una conversazione apparentemente innocente, mette in crisi un’amicizia: l’incontro provocato da uno dei  due, preoccupato per il troppo lungo silenzio, mette a nudo l’anima dei due protagonisti, le loro inclinazioni e fragilità, il peso dei molti pensieri “non detti” che danno adito a supposizioni pericolose. Una pièce contemporanea e perfettamente attuale, anche se scritta quarant’anni fa, per la magnifica, duplice prova di due grandi attori. Da non perdere.

 

 

 

 

 

 

Biglietti

Platea I settore: intero 35, 00 euro – ridotto 27,00 euro

Platea II settore: intero 30, 00 euro – ridotto 22,00 euro

Loggia: 15,00 euro

Pomeridiane: intero 16, 00 euro – ridotto 12,00 euro

 

Prevendite online: https://www.vivaticket.com/it/venue/teatro-massimo/2387050

prevendite al BoxOffice Sardegna – viale Regina Margherita n. 43  – tel. 070 657428

Per informazioni: cell. 345.4894565 – biglietteria@cedacsardegna.itwww.cedacsardegna.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RELATED ARTICLES

Most Popular