Pelle, il pube nudo al Piccolo Teatro Comico di Torino

871
Pelle, il pube nudo ideato e diretto da Alessandra Fumai

Pelle, il pube nudo, spettacolo di teatro danza contemporaneo, ideato e interpretato da Alessandra Fumai, con Cristina Da Ponte e Martina Auddino, va in scena, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, all’interno della Stagione del Piccolo Teatro Comico, un delizioso spazio teatrale intimo ed accogliente nel quartiere Santa Rita di Torino, diretto da Franco Abba, con una programmazione inclusiva e attenta a dar voce tanto alla comunità LGBTQ+ quanto alle produzioni di artisti migranti, oltre a promuovere anche il teatro di prosa del territorio e i grandi nomi della comicità.

Lo spettacolo di Alessandra Fumai, danzatrice, cantante polifonica e dottoressa in antropologia culturale, è maturato attraverso residenze di ricerca a partire dal 2020 ed integra l’indagine antropologica, effettuata sul campo mediante interviste e incontri con gruppi di donne, con la ricerca performativa, che esplora le tecniche del corpo che sottendono alla creazione del genere femminile e alla costruzione del “corpo adeguato” secondo gli attuali standard economico-sociali ed estetici. “Pelle” esprime la volontà di dare vita e corpo alle testimonianze delle donne coinvolte nella ricerca, indagando, attraverso il linguaggio artistico, alcune ricadute fisiche, emotive e psicologiche della cultura di genere nel mondo occidente.

Ed ecco le danzatrici in scena nella sala minuta, che rende più raccolto e poetico l’atto artistico, svelate dal buio alla luce con colori sgargianti di rito iniziatico, il passaggio ad una consapevolezza, la pelle esposta, la nascita di una pudicizia che diventa scoperta ed orgoglio, ma anche sopruso e violenza, materiale o simbolica, perpetrata dai meccanismi di riproduzione culturale. Si susseguono con ritmo serrato, scene, luci e passaggi di stati e rappresentazione, con elementi sonori accattivanti e suadenti, fra cui anche alcuni canti interpretati magnificamente dell’autrice, e la pelle diventa in scena un materiale poliedrico, luogo di incontro con l’altra, ma anche limite, superficie su cui si esprime l’identità, simbolo profondo del sé, involucro sottile che protegge e connette. Le coreografie calzanti e dinamiche, originali e sorprendenti, sono rese con intensità e slancio dalle tre danzatrici che creano sul palco un’intesa di respiro e movimento, un amalgama espressivo che dà spazio alla percezione interiore fra energie di raccoglimento e accettazione, ma anche fuga e conflitto, sottolineate da intrecci vividi e concreti, partiture asimmetriche che tracciano sul palco i segmenti di contatto fra corpo, voce e testi, monologhi intensi, profondi e originali sulla ricerca dell’identità delle donne tra gli input di conformismo estetico del pensiero dominante e la violenza, a diversi livelli, che viene loro inflitta. Uno spettacolo originalissimo, che si avvale di apporti artistici di natura differente, dalla danza, alla performance, alla musica, al canto, alla drammaturgia, alla ricerca-azione, al teatro, al video, riuscendo nella difficilissima e coraggiosa impresa di raccontare quella forma di violenza subdola e costante costituita dai condizionamenti degli ideali di bellezza della cultura patriarcale dominate cui le donne, fin da bambine, sono sottoposte, costringendole ad uno sforzo di ricerca di identità e libertà che, in questa elaborazione artistica, Alessandra Fumai riesce a farci vivere con magnifica forza espressiva e profondità di indagine. “Pelle” è una splendida opera in continua evoluzione, un esempio fulgido del connubio riuscito fra urgenti temi sociali e ricerca artistica con l’obiettivo di creare una performance che abbia la capacità di entrare nell’anima dello spettatore e lì lasciar il seme che diventerà l’albero della nostra futura società, all’insegna del rispetto, dell’equità e del sostegno reciproco.

 

Visto il 25 novembre 2022

Piccolo Teatro Comico – Torino

 

Pelle, il pube nudo

ideazione e regia Alessandra Fumai

creazione Alessandra Fumai, Lara Barzon, Beatrice Biondi, Florencia Ramon

interpreti Cristina Da Ponte, Martina Auddino, Alessandra Fumai

progetto video Florencia Ramon e Ignacio Herrera

registrazione audio Massimiliano Semenzato, Alessandra Fumai (voce)

sostegno alla creazione in residenza Spazio Liquido, Torino; Ex Frantoio Tivittori (Serra de’ Conti – Ancona); Circo Zoè, Cuneo