lunedì, Marzo 4, 2024

Area Riservata

HomeBergamoFondazione Donizetti, tutto pronto. Si parte il 12 dicembre con Alessio Boni

Fondazione Donizetti, tutto pronto. Si parte il 12 dicembre con Alessio Boni

Stagione di prosa al via per il Teatro sociale e Donizetti che con i suoi oltre 5mila abbonati s'annovera tra gli appuntamenti più seguiti in Italia

Con i suoi oltre 5.100 abbonati, la Stagione di prosa e Altri percorsi della fondazione Teatro Donizetti di Bergamo può annoverarsi tra gli appuntamenti teatrali più seguiti in tutta Italia. La stagione 2023-2024 sarà inaugurata da un evento straordinario inserito nel palinsesto di “Bergamo Brescia capitale italiana della cultura 2023”: la prima rappresentazione nazionale, dal 12 al 18 dicembre, di Iliade. “Il gioco degli dèi”, nuovo spettacolo che vedrà in scena Alessio Boni, impegnato anche nelle vesti di coregista.

In programma fino a maggio, la Stagione di Prosa e Altri Percorsi della Fondazione Teatro Donizetti è articolata in tre sezioni, ognuna delle quali propone uno spaccato della scena teatrale odierna secondo precise caratteristiche ideative che riflettono l’intento della Direttrice Artistica Maria Grazia Panigada «nel mettere al centro la società, le relazioni umane in ambiti sociali ed epoche distanti, ma accomunate da un’indagine che supera il contingente per abbracciare la complessità. In fondo è proprio questo il teatro: un luogo in cui entriamo certi del nostro presente ma con la mente e il cuore aperti per incontrare l’altrove. Questo accade solo per il tempo definito della rappresentazione, ma forse ci dà la possibilità di relativizzare e approfondire il nostro pensiero».

Stagione di Prosa al Teatro Donizetti

Sette titoli costituiscono il cartellone della Stagione di Prosa al Teatro Donizetti: il successo della scorsa Stagione, che ha indotto a programmare repliche straordinarie per quasi tutti gli spettacoli, ha quindi portato a prevedere già sette rappresentazioni in abbonamento per ciascun titolo, una in più rispetto al passato.

L’avvio sarà nel solco di un importante debutto che si inserisce nelle iniziative speciali legate a “Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023”: dal 12 al 18 dicembre 2023 (con doppia replica fuori abbonamento sabato 16) andrà in scena Iliade. “Il gioco degli dèi”, progetto di cui è principale artefice Alessio Boni sia nelle vesti di regista, con Roberto Aldorasi e Marcello Prayer, che di attore insieme a Iaia Forte, Francesco Meoni, lo stesso Prayer e altri quattro attori.

Dopo questo avvio, la Stagione proseguirà, come di consueto, all’insegna di una varietà di generi e drammaturgie, proponendo a inizio 2024, dal 16 al 21 gennaio con doppia replica sabato 20, Boomers di e con Marco Paolini, spettacolo che vede coprotagonista, nei panni di Jole, la cantante e attrice Patrizia Laquidara e che invita a rivivere la storia dagli anni Sessanta ad oggi trasportata in un grande videogioco realizzato da un figlio. Divertimento assicurato.

A seguire, dal 13 al 18 febbraio con doppia replica sabato 17, La Maria Brasca di Giovanni Testori, con la regia di Andrée Ruth Shammah che torna a rapportarsi dopo quasi trent’anni con la bellissima figura femminile interpretata negli anni Sessanta da Franca Valeri e poi da Adriana Asti e ora da Marina Rocco; e dal 27 febbraio al 3 marzo, con doppia replica sabato 2, Perfetti sconosciuti, trasposizione della brillante commedia cinematografica con il sigillo del suo stesso artefice, Paolo Genovese, alla prima regia teatrale.

Ancora in marzo, dal 5 all’11 con doppia replica sabato 9, sarà la volta de La buona novella, spettacolo di teatro-canzone in cui Neri Marcorè, con i musicisti Giua, Barbara Casini, Anais Drago, Francesco Negri e Alessandra Abbondanza, ripercorre le canzoni e i pensieri dell’omonimo bellissimo album di Fabrizio De André. Regia di Giorgio Gallione, arrangiamenti e direzione musicale di Paolo Silvestri.

La Stagione di Prosa 2023/24 si concluderà, quindi, con due testi classici: Il mercante di Venezia di Shakespeare che, per la regia di Paolo Valerio, vedrà il ritorno di Franco Branciaroli al Teatro Donizetti, dal 9 al 14 aprile con matinée giovedì 11 e doppia replica sabato 13; e, da mercoledì 17 a martedì 23 aprile, L’albergo dei poveri di Maksim Gor’kijin un nuovo allestimento firmato da Massimo Popolizio e coprodotto dal Teatro Stabile di Roma e dal Piccolo Teatro di Miano, che proprio con questo titolo, con la regia di Giorgio Strehler, iniziò la propria attività nel maggio del 1947. Lo stesso Popolizio sarà in palcoscenico con altri 15 attori. Oltre a Bergamo, L’albergo dei poveri sarà presentato in sole altre tre città, Roma, Milano e Napoli.

Altri Percorsi

Anche Altri Percorsi, da sempre vetrina di diversi modi di fare ricerca teatrale utilizzando molteplici mezzi e linguaggi espressivi, si snoderà attraverso sette spettacoli – tutti al Teatro Sociale, ad eccezione del titolo iniziale – grazie ai quali il pubblico avrà l’opportunità di conoscere artisti diversi tra loro, alcuni dei quali ospiti della rassegna per la prima volta, anche provenienti dall’estero.  È il caso della tedesca Familie Flöz (vista al Donizetti in passato, ma come evento speciale), che con Teatro Delusio farà ridere portando il pubblico nel dietro le quinte di un teatro (21 dicembre 2023, Teatro Donizetti), e dell’altrettanto talentuosa compagnia umbra Politheater, che con Bubikopf – Tragedia comica per pupazzi, con la regia di Neville Tranter del Stuffet Puppet Theatre, racconterà la delicata storia d’amore di Bubi e Hullo, fra aspirazioni artistiche e una violenza incombente (25 gennaio 2024, al Teatro Sociale, come tutti gli altri spettacoli). Novità, impreziosita dalla presenza alla regia e in palcoscenico di Gabriele Vacis, è anche l’arrivo del giovanissimo gruppo dei Potenziali Evocati Multimediali (PEM) che metterà in scena Prometeo dalla tragedia di Eschilo (giovedì 11 gennaio con matinée il giorno dopo). Fra gli undici attori della compagnia c’è la bergamasca Erica Nava, ex componente del giovane gruppo di formazione attoriale Progetto Young, uno dei progetti formativi della Fondazione Teatro Donizetti.

Il ritorno al mito sarà al centro anche di Opα, dove l’attrice greco-svizzera Mélina Martin, anche lei all’esordio in rassegna, interpreta Elena di Troia, donna bellissima, ma anche donna rapita, ferita, esibita come un trofeo (4 aprile).

L’universo femminile verrà esplorato da altri due titoli: La casa degli spiriti, grande affresco familiare uscito dalla penna di Isabel Allende e messo in scena da Silvia Giulia Mendola (8 febbraio); Raccontami di domani, storia dell’amicizia di due giovani donne vista dalla serratura di un bagno, scritta e diretta dall’argentino César Brie e interpretata da Vera dalla Pasqua e da Rossella Guidotti (22 febbraio).

Completa il quadro di Altri Percorsi, giovedì 14 marzo, il ritorno di Mario Perrotta con Dei figli – Premio Ubu 2022 come miglior nuovo testo -, con l’autore e regista che racconta le relazioni fra genitori e figli all’epoca del digitale, accompagnato da quattro attori in carne ed ossa e con altri cinque come presenze virtuali dialoganti su grandi schermi. La consulenza drammaturgica è di Massimo Recalcati.

Storia, Teatro e Società

Erede di Appuntamento con la Storia, “Storia, Teatro e Società” ne amplia gli orizzonti tematici ispirandosi al poeta e drammaturgo inglese Charles Lamb che in un saggio scriveva: «Non andiamo a teatro come i nostri antenati, per sfuggire alla pressione della realtà, ma per confermare la nostra esperienza di essa». La sezione dedicata alla storia e alla società va in questa direzione, con uno sguardo da una parte rivolto alla memoria e, dall’altro, alla ricerca storica.

I primi due spettacoli saranno dedicati al mondo del calcio, un rito contemporaneo che con tutte le sue contraddizioni diventa punto di vista per rileggere la società. Con Italia Brasile 3 a 1. Il ritornoDavide Enia riprende dopo vent’anni il suo spettacolo storico, una narrazione dove la coscienza collettiva e la coscienza intima si intrecciano, dove la gioia del ricordo si mescola al pensiero di chi non c’è più (mercoledì 31 gennaio 2024 al Teatro Donizetti). Uno stile completamente diverso, dal taglio giornalistico, è invece quello di Federico Buffa ne La milonga del fútbol in cui – venerdì 23 febbraio, di nuovo al Donizetti come evento speciale fuori abbonamento – rievoca tre grandi calciatori argentini, Renato Cesarini, Omar Sivori e Diego Armando Maradona: storie potenti, intrise di romanticismo e italianità.

Gli altri due spettacoli che compongono la sezione sono tracce preziose che conducono in modo opposto a cercare delle profondità nelle pieghe della storia: Mio padre. Appunti sulla guerra civile di e con Andrea Pennacchi, che racconta la storia del padre prima della sua nascita, ripercorrendone la guerra partigiana, la prigionia, il viaggio di ritorno in una Italia devastata dalla guerra (martedì 8 maggio, sempre al Donizetti); L’angelo della storia di Sotterraneo allarga l’orizzonte nello spazio e nel tempo, in un vortice corale attraverso i secoli (mercoledì 15 maggio al Teatro Sociale). In quest’ultimo titolo – Premio Ubu come miglior spettacolo del 2022 – l’immagine offerta dal filosofo Walter Benjamin di un angelo che vola con lo sguardo rivolto al passato, dando le spalle al futuro, diventa suggestione di un attraversamento di momenti storici, incontri all’apparenza slegati fra loro ma con un unico denominatore: la potenza del racconto come elemento fondante e necessario da sempre e per sempre dell’umanità.

Incontri intorno agli spettacoli

Attorno ad alcuni degli spettacoli della Stagione di prosa 2023-2024 si svolgeranno incontri aperti al pubblico e agli studenti in cui attori e registi saranno chiamati a raccontarsi e a rispondere alle domande degli spettatori. Tre gli incontri previsti, tutti in programma alle ore 18.00 presso la Sala Riccardi del Teatro Donizetti con la partecipazione dei protagonisti principali e delle rispettive compagnie. Questo il calendario: giovedì 14 dicembre 2023 Intorno a Iliade, giovedì 18 gennaio 2024 Intorno a Boomers, giovedì 18 aprile Intorno a L’albero dei poveri. Gli incontri saranno coordinati da Maria Grazia Panigada, direttrice artistica della Stagione di Prosa e Altri Percorsi della Fondazione Teatro Donizetti.

INFORMAZIONI

BIGLIETTERIA

Presso TEATRO DONIZETTI

Piazza Cavour, 15 – Bergamo

Tel. 035.4160 601/602/603

Apertura al pubblico: Da martedì a sabato dalle 13.00 alle 20.00 (festivi esclusi)

Domenica solo nelle date di spettacolo, un’ora e mezza prima dell’inizio

Presso TEATRO SOCIALE

Via Colleoni, 4 – Bergamo Alta

Tel. 035.216660

Apertura al pubblico: solo nei giorni di spettacolo un’ora e mezza prima dell’inizio

INIZIO SPETTACOLI

Prosa da lunedì a sabato ore 20.30 – domenica ore 15.30

In caso di replica aggiuntiva il sabato pomeriggio, ore 17.00

Altri Percorsi ore 20.30

Storia, Teatro e Società ore 20.30

Ufficio Stampa Fondazione Teatro Donizetti

Stagione di Prosa e Altri Percorsi – Operetta

Roberto Valentino

Tel. 335 5201930

RELATED ARTICLES

Most Popular