domenica, Marzo 3, 2024

Area Riservata

HomeConcertoIncontri Musicali con l'Orchestra Barocca della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado -...

Incontri Musicali con l’Orchestra Barocca della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado – XIX edizione

     

ISTITUTO MUSICA ANTICA CIVICA SCUOLA DI MUSICA CLAUDIO ABBADO  FONDAZIONE MILANO

 in collaborazione con il Civico Museo degli Strumenti Musicali di Milano

16 dicembre 2023 – 25 maggio 2024

Incontri Musicali con l’Orchestra Barocca della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado – XIX edizione

al Castello SforzescoSala della BallaMI 

16 dicembre 2023 ore 16.00

ingresso libero fino a esaurimento posti

entrata dal Cortile della Rocchetta

distribuzione tagliandi d’accesso a partire dalle ore 15.00

In dulci jubilo 

Cantate di Dieterich Buxtehude per il tempo di Natale 

https://musica.fondazionemilano.eu/news/incontri-musicali-con-lorchestra-barocca-16-dicembre-2023-1

In dulci jubilo, primo appuntamento della XIX edizione della rassegna Incontri Musicali con l’Orchestra Barocca della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, fissato per sabato 16 dicembre 2023 presso la Sala della Balla del Castello Sforzesco, è dedicato alle cantate per il tempo di Natale del compositore e organista danese Dieterich Buxtehude.

Come organista della Chiesa di musicali (Abendmusiken), Buxtehude ebbe fama europea: è testimoniato che Bach si recò a piedi nella città tedesca per ascoltarlo, restandone fortemente colpito.

Momento centrale del concerto è appunto la composizione religiosa che dà titolo al programma, In dulci jubilo, tradizionale canto di Natale, molto popolare in Europa, il cui testo, del mistico tedesco Heinrich Seuse, risale al periodo medievale. La lingua è un’originale combinazione di latino e tedesco.

Di Dieterich Buxtehude l’Orchestra Barocca della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado diretta da Lorenzo Ghielmi esegue anche, in apertura, la cantata Wie soll dich empfangen (Come ti accoglierò, Gesù), inno cristiano per il tempo dell’Avvento su testo del poeta tedesco Paul Gerhardt, noto soprattutto per aver scritto numerose composizioni luterane. La cantata, che sottolinea l’ampiezza e la profondità dell’amore di Dio per gli uomini (Nulla, nulla ti ha spinto/a me dal firmamento/se non l’amore amato,/perché tu possa amare tutto il mondo/nei suoi mille dolori/e nei suoi grandi fardelli di miseria/che nessuna bocca può pronunciare,/così saldamente li hai abbracciati),  fu pubblicata per la prima volta nel 1653 nell’innario Praxis Pietatis Melica di Johann Crüger. Il medesimo desiderio di creare una relazione con Dio è presente nella cantata in latino O dulcis Jesu, quarto brano in programma (O mio dolce Gesù, ah accoglimi, ti ho sempre amato/ho sperato in te). In Fürchtet euch nicht (Non temete), su testo tratto dai capitoli X e XI del Vangelo di Luca e da una poesia del tedesco Adam Olearius, Buxtehude si ispira alla nascita di Gesù e al tempo gioioso e di rinascita che egli annuncia (Oggi è iniziata/la vostra salvezza/ e la vostra beatitudine./Oggi è sorto per voi il sole della giustizia).

Il tema della nascita del Salvatore e del giubilo che porta con sé è presente anche nella cantata in tedesco che chiude il ricco programma, Das neugeborne Kindelein, su testo di Cyriakus Schneegaß, compositore e teorico luterano (Svegliatevi, è tempo di cantare!/Il piccolo Gesù allontana ogni dolore).

Il concerto è impreziosito da due composizioni (Pastorale; Ciaccona) di Johann Christian Pez, autore nato a Monaco nel 1664, allievo a Roma di Arcangelo Corelli e musicista della corte del principe Massimiliano II Emanuele di Baviera.

Scrisse apprezzate composizioni strumentali per il periodo dell’Avvento e del Natale.

La rassegna Incontri Musicali con l’Orchestra Barocca della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado propone, come di tradizione, un concerto al mese. Il 27 gennaio Daniele Bragetti dirige Concerti per flauti dolci e archi, appuntamento dedicato a Telemann; il concerto del 24 febbraio, sul podio da Rodney Prada, è intitolato Battaglie e Follieil 23 marzo Susanne Sholz guida l’Orchestra Barocca in un programma focalizzato sulla musica francese, nell’nell’ambito di un progetto Erasmus, La Bande de violons du Louis XIV; l’appuntamento del 20 aprile, Legami Armonici, capolavori sacri della famiglia Scarlatti, direttore Luca Colombo, è realizzato in collaborazione con il Coro Universitario del Colleghio Ghislieri di Pavia; chiude il ciclo il 25 maggio, con la direzione di Mara Galassi, il concerto Alma che segu’amor degn’è di pianto: arie spirituali, canzonette e lamenti di Orazio Michi dell’Arpa, compositore e arpista secentesco, tra i maggiori virtuosi del suo tempo.

Il Castello Sforzesco, l’11 maggio, per il Progetto Medioevo curato da Claudia Caffagni, ospita inoltre il concerto dell’ensemble di Musica Medievale della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, risultato dello studio sul poema francese Il Roman de Fauvel.

 

Programma 

 In dulci jubilo

Dieterich Buxtehude (1637-1707)

Cantata Wie soll dich empfangen BuxWV 109

a 2 soprani, basso, 2 violini, fagotto e basso continuo

 

Johann Christian Pez (1664-1716)

Pastorale

 

Dieterich Buxtehude

Cantata In dulci jubilo BuxWV 52

a 2 soprani, basso, 2 violini e basso continuo

 

Cantata O dulcis Jesu BuxWV 83

a soprano 2 violini e basso continuo

 

Johann Christian Pez

Ciaccona

 

Dieterich Buxtehude

Cantata Furchtet euch nicht BuxWV 30

a soprano, basso, 2 violini e basso continuo

 

Cantata Das neugeborenen Kindlein BWV 13

a soprano, alto, tenore e basso, 3 violini e basso continuo

______________

Soprani Hyun-Ji Kim, Chiara Rebaudo, Giorgia Ferrari, Martina Bomben

Alti Camilla Biraga, Mitsuki Minagawa

Tenori Niccolò Perego, Bernardo Ghielmi

Basso Niccolò Roda

 

Violini Lucilla Tempella, Davide Facchini, Angelo Basile, Neyén Finot Copa, Beatrice Guido

Flauti dolci Ninon Dusollier, Rita Perego

Fagotto Raffaele Benedetto

Viola da gamba Giulia Gillio Gianetta

Arciliuto Emanuele Gorla

Arpa doppia Sofia Masut

Organo e cembalo Kohei Takeoka

 

Organo e direzione Lorenzo Ghielmi

_____________________________________________________

Calendario 

 

16 dicembre 2023

Cantate natalizie di Dietrich Buxtehude 

Lorenzo Ghielmi, organo e direzione

 

27 gennaio 2024

 G. Ph. TelemannConcerti per flauti dolci e archi

Daniele Bragetti, direttore

24 febbraio 2024

Battaglie e Follie 

Rodney Prada, direttore

23 marzo 2024

 La Bande de violons du Louis XIV

(progetto Erasmus)

Susanne Scholz, direttore

 

20 aprile 2024

Legami Armonici, capolavori sacri della famiglia Scarlatti 

Luca Colombo, direttore

in collaborazione con Coro Universitario del Collegio Ghislieri di Pavia

 

25 maggio 2024

  Alma che seguamor degnè di pianto 

Orazio Michi dell’Arpa: arie spirituali, canzonette e lamenti

Mara Galassi, direttore

↓ Gli altri appuntamenti con la Civica al Castello Sforzesco

⬅️ Progetto Medioevo

Il Roman de Fauvel 

Milano, Castello Sforzesco, Sala della Balla, ore 16.00

11 maggio 2024
Ensemble di Musica Medievale

a cura di Claudia Caffagni

Lorenzo Ghielmi si dedica da anni allo studio e all’esecuzione della musica rinascimentale e barocca. È fra i più affermati interpreti dell’opera organistica e cembalistica di Bach. Tiene concerti in tutta Europa, in Giappone e negli Stati Uniti, in Brasile, in Messico, in Israele e ha all’attivo numerose registrazioni radiofoniche e discografiche (Winter & Winter, Passacaille, Harmonia mundi, Teldec). Le sue registrazioni di Bruhns, di Bach, dei concerti di Haendel e di Haydn per organo e orchestra sono state premiate con il Diapason d’or. Ha pubblicato un libro su Nicolaus Bruhns, studi sull’arte organaria del XVI e XVII secolo e sull’interpretazione delle opere di Bach. È organista titolare dell’organo Ahrend della basilica milanese di S. Simpliciano dove ha eseguito l’opera omnia per organo di J.S. Bach. Fa parte della giuria di concorsi organistici internazionali (Toulouse, Chartres, Tokyo, Bruges, Freiberg, Maastricht, Losanna, Norimberga). Ha seguito la progettazione di numerosi nuovi organi, fra cui il grande strumento della cattedrale di Tokyo. Dirige l’ensemble strumentale La Divina Armonia.

L’Orchestra Barocca della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, realtà unica in Italia, è costituita da studenti iscritti ai corsi di alta formazione della scuola e provenienti da tutto il mondo: Brasile, Argentina, Polonia, Giappone, Francia, Spagna, Grecia, Cile. L’Orchestra, che vanta normalmente un organico dai 15 ai 30 strumentisti, è spesso accolta in spazi prestigiosi, ed è guidata da maestri che insegnano all’interno dell’istituzione e da rinomati direttori ospiti: l’Istituto di Musica Antica della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, tra le altre attività, offre infatti agli studenti l’occasione di esibirsi con professionisti del panorama internazionale. I concerti aperti al pubblico sono il punto d’arrivo di un percorso di studio e concertazione che ha luogo presso Villa Simonetta, sede della Civica: nel corso di ogni anno accademico l’Orchestra prepara ed esegue alcune produzioni destinate all’esterno: il repertorio, per cui vengono utilizzate copie di preziosi strumenti antichi, spazia dal primo Barocco fino al Classicismo.

 _________________________________________________________________________________________

Civica Scuola di Musica Claudio Abbado – Fondazione Milano®, Villa Simonetta – via Stilicone 36 – 20154 – Milano tel. 02.97.15.24

uff. st. 339.85.30.339  info_musica@scmmi.it  – www.fondazionemilano.eu/musica

RELATED ARTICLES

Most Popular