domenica, Marzo 3, 2024

Area Riservata

HomeBolognaAntonio e Cleopatra nella visione di Valter Malosti

Antonio e Cleopatra nella visione di Valter Malosti

Antonio e Cleopatra nella visione di Valter Malosti

Tra le opere shakespeariane Antonio e Cleopatra è forse quella meno rappresentata in Italia. Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale con Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini, Teatro Stabile di Bolzano, Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale, LAC Lugano Arte e Cultura coproducono la nuova messa in scena diretta da Valter Malosti, coautore anche di una nuova traduzione insieme a Nadia Fusini.
Ad interpretare il potente Antonio è lo stesso Malosti, direttore di ERT / Teatro Nazionale, nei panni della regina egiziana troviamo invece Anna Della Rosa, già finalista ai Premi Ubu 2021 per lo stesso ruolo.
«Politicamente scorretti e pericolosamente vitali, al ritmo misterioso e furente di un baccanale egiziano essi vanno oltre la ragione e ai giochi della politica», afferma lo stesso regista.
La vicenda si svolge fra Roma e l’Egitto, mentre infuria la guerra fra i triumviri succeduti a Cesare: lo stesso Marco Antonio, Ottaviano e Lepido. Shakespeare narra l’incontro/scontro fra Oriente e Occidente, un conflitto politico ma anche scientifico e culturale. Una riflessione importante sulla lotta fra dovere professionale e desideri personali.
La messa in scena non ha connotazioni storiche e territoriali specifiche, preferisce giocare sui piani del surreale e del metafisico grazie alla scenografia geometrica di Margherita Palli, che si sviluppa fra cerchi e angoli, mura asimmetriche e pedane mobili che trasferiscono l’azione in un aldilà metaforico ma anche concreto.
La regia di Malosti punta tutto sull’importanza e la bellezza della parola shakespeariana, enfatizzata però da una recitazione ritmata e sillabata, spesso gridata, che non le restituisce tutta la poesia di cui è intrisa. Gli attori si avvicendano pomposi e incasellati in un’interpretazione classica, che ammicca al mito puntando allo stesso tempo su un effetto da sit com americana (con tanto di risate registrate). Unica eccezione, e infatti degna di nota, la caratterizzazione di Enobarbo (Danilo Nigrelli), scanzonato e ironico. Neanche la
caratura attoriale di Della Rosa riesce completamente a emergere dalla sua Cleopatra, svampita e leggermente appiattita dal contesto.
Una messa in scena ardita e appesantita dalle oltre due ore e trenta di spettacolo senza interruzione che, al di là della non facile scelta di rappresentare un’opera così poco gettonata, non brilla per originalità di realizzazione.
Erika Di Bennardo

RELATED ARTICLES

Most Popular