LIFE. Lazio In Festival Estate 2012

0
188
Condividi TeatriOnline sui Social Network

in collaborazione con ACCADEMIA NAZIONALE DI SANTA CECILIA, TEATRO DI ROMA, TEATRO DELL’OPERA, MUSICA PER ROMA

a cura dell’ ATCL (Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio)

Sezione Internazionale con DV8 Physical Theatre, Triade Nomade e Collettivo Leibniz

Prosegue la rassegna di teatro, musica, letteratura e danza promossa dall’Assessorato alla Cultura, Arte e Sport della Regione Lazio e organizzata dall’A.T.C.L. – Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio, che dal 15 luglio anima le cinque province della regione Lazio per offrire al pubblico un programma culturale variegato e di livello internazionale. Contenitore estivo di spettacoli ed eventi multidisciplinari, “LIFE. Lazio In Festival Estate 2012” continua la sua programmazione aprendo alla scena internazionale che fino al 15 agosto si dipanerà sull’intero territorio regionale, da Frosinone a Rieti a Viterbo. Tre province che, con i loro teatri ed il patrimonio storico di cui dispongono, ospiteranno una sezione interamente dedicata al teatro di ricerca, agli attraversamenti performativi internazionali e ai nuovi linguaggi sperimentali, per candidarsi a luoghi d’arte e spazi di cultura, ciascuno con una propria identità e specifica disciplina fra innovazione e tradizione.

Dopo il successo a  Frosinone dell’assolo dell’étoile Ornella Balestra diretta da Luca Giacomo Schulte e introdotta dall’incontro con la poetica di Raimond Hoghe, già drammaturgo per la compianta Pina Bausch, tutto è pronto al Palazzetto Luca Polsinelli di Sora dove dal 9 al 13 agosto si terrà uno stage internazionale di danza con una delle più rinomate compagnie di danza europee, DV8 Physical Theatre (Inghilterra).

In provincia di Rieti i francesi di Triade Nomade con il loro tango sui trampoli abiteranno piazze, vicoli e paesaggi naturali nei borghi storici di Fara Sabina (l’8 agosto) e di Roccantica (il 9 agosto) per riflettere sui concetti di Amore, Assenza, Unione ed Esilio attraverso le antiche discipline del teatro di strada.

Mentre a Viterbo la scena si esprime attraverso la Live Art inglese che si articolerà in una minirassegna al Supercinema di Tuscania (dall’11 al 15 agosto) con le ultime deflagrazioni performative del Collettivo Leibniz che propone Ghost Letters e Allotment: Dawn; e con il nuovo lavoro in bilico fra installazione e performance di Julia Bardsley e Andrew Poppy, Almost the same.

Dal teatro di parola, al teatro classico, dal teatro ragazzi a quello di innovazione, “LIFE. Lazio In Festival Estate 2012” coinvolgerà per tutta l’estate 32 comuni portando più di 70 fra rappresentazioni, incontri, parate, concerti e aperture estive dei maggiori teatri comunali ristrutturati, restituendo al patrimonio culturale del territorio anche spazi archeologici e storici poco conosciuti.

 

Sezione Internazionale

In provincia di Viterbo…

Viterbo, Tuscania, Montalto di Castro e Bolsena sono le quattro città della provincia di Viterbo candidate a luogo della ‘prosa’ e della live art

 

VITERBO

 

Supercinema

Rassegna di teatro di innovazione internazionale: Live Art ore 21.30

La Live Art è stata riconosciuta come uno degli spazi creativi più vitali e influenti nel Regno Unito, un motore di ricerca guidato da artisti che lavorano a cavallo tra forme, contesti e spazi per aprire nuovi modelli artistici, nuovi linguaggi per la rappresentazione di idee e nuove strategie di intervento nella sfera pubblica. Influenzata da un lato dalle metodologie della Performance Art del tardo XX secolo, in un cui gli artisti visivi – in un rifiuto per l’ oggetto e il mercato dell’arte – guardano al proprio corpo e alla propria identità come luogo e materiale della propria pratica – e dall’altro dalla ricerca intrapresa da coloro che cercano la cesura con le tradizioni di circostanza e le aspettative del teatro del XXI secolo. Il termine Arte Live non è la descrizione di una forma d’arte o di una disciplina, ma una strategia culturale per includere i processi sperimentali e le pratiche esperienziali; un dispositivo di riconoscimento per un catalogo di approcci alle possibilità di confine dello spettacolo dal vivo.

 

11 agosto ore 21.30

Collettivo Leibniz

GHOST LETTERS  (Inghilterra)

con Ernst Fisher, Helen Spackman, Paula Sofia de Amaral Figueiredo

regia Ernst Fisher

Ghost Letters è un’installazione di paesaggi in miniatura, che rimettono in scena memorie di performance precedenti del Collettivo Leibniz  ed esperienze personali di amore, perdita e nostalgia. L’installazione collocata su una serie di vassoi da maggiordomo si muove nello spazio scenico e si trasforma costantemente per mezzo delle azioni di tre servi silenziosi. Ghost Letters si snoda intorno al pubblico che è libero di muoversi nello spazio e di interagire con gli scenari in miniatura, che costruiscono costantemente combinazioni e tracce narrative nuove. L’obiettivo del lavoro è quello di costruire un portafoglio di performance – un assemblaggio di fantasmata – che parlano intimamente le une alle altre e ai loro spettatori di amicizia, comunità e memoria.

 

12 agosto ore 21.30

Collettivo Leibniz

ALLOTMENT: DAWN (Inghilterra)

con Ernst Fisher, Helen Spackman – regia Ernst Fisher

La ricerca del Collettivo Leibniz, fondato dai direttori artistici Ernst Fisher ed Helen Spackman, mira a sfumare i confini tra gli spazi e le discipline, a creare rituali e mitologie per un’età secolare, a presentare produzioni teatrali innovative e interattive, a formare un nuovo pubblico e a sostenere gli artisti emergenti. “Allotment: Dawn” è concepito come una meditazione sul tema della morte e della resurrezione e si presenta come una serie di semplici azioni e immagini, che riferendosi indirettamente a fenomeni naturali -alla flora e alla fauna di un umile giardino – si concentrano sul corpo del performer come mezzo di espressione. Lo spettacolo esplora il destino del performer osservando trasversalmente il fallimento e la sofferenza come processi creativi. Le tre azioni/monologhi si succedono per problematizzare nozioni relative al linguaggio. Il performer ingoia le proprie parole e disperdendo rumore intorno a se, ma quando la sua bocca sperimenta la siccità, egli tenta una forma di comunicazione più viscerale. La performance si  conclude, con il sorgere del sole, lo sbocciare di un fiore, la formazione di un nuovo organo per la comunicazione. I monologhi sono intervallati da tre ‘azioni immobili’ indisciplinate che parlano di incertezza, instabilità e del’ inquietante mutevolezza di ciò che ci è familiare.

 

 

14 – 15 agosto ore 19.00; ore 22.00

Julia Bardsley e Andrew Poppy

ALMOST THE SAME (Inghilterra)

di e con Julia Bardsley – musiche di Andrew Poppy

Ingresso limitato a 35 posti

Il lavoro della Bardsley oscilla tra istallazione e performance offrendo un’ esperienza dal vivo di forte impatto. Il ruolo del pubblico è riconfigurate in un paesaggio visivo e sonoro che comunica un immersione totale e delle sensazioni estreme.

Una figura si nasconde in uno spazio buio di collasso, un teatro di sporcizia, l’arca dell’ umiliazione. La performance è contenuta tra due opposti: una presenza ‘animale’ viva, confinata e legata all’interno dello spazio performativo ed un video che viene proiettato su due lati; il manipolatore civilizzato e il predatore.  Ciò che deriva da questi opposti è una battaglia di desideri, una guerra agita dalle due facce della stessa donna. “Almost the same” è il secondo episodio della Trilogia Divina, il cui primo episodio prende il nome di “Trans-Act” e l’ultimo di “Aftermaths”.

 

In Provincia di Rieti…

L’Abbazia di Farfa e i centri di Fara Sabina, Scandriglia, Monte San Giovanni in Sabina, Casperia, Roccantica, Leonessa ed Amatrice paesini intatti a pochi chilometri dalla capitale, ospiteranno il meglio dello spettacolo di strada, coinvolgendo piazze, vicoli e paesaggi naturali.

 

FARA SABINA                                  ROCCANTICA

Piazza del Duomo                               Piazze e vicoli

8 agosto ore 21.30                             9 agosto ore 21.30

 

Triade Nomade

VOLVER (Francia)

Amore, Assenza, Unione ed Esilio sono alla base dell’universo artistico di Triade Nomade. Nel ballo, come nella vita, la fusione può essere raggiunta solo dall’ ascolto reciproco. Il tango sui trampoli della Triade Nomade mira a rispettare questi principi fondamentali, mentre mette in discussione i tradizionali modelli di ruolo maschili e femminili: i personaggi sono androgini e la coppia è composta da 3 individui.

 

In provincia di Frosinone…

Cassino, Fiuggi, Sora, Ceprano, Anagni e Pontecorvo si configurano – anche attraverso la realizzazione di un stage internazionale – come un forte appuntamento per la danza e il balletto

 

SORA

Palazzetto Luca Polsinelli

9→13 agosto

 

Stage internazionale di danza con DV8 Company (Inghilterra)

Considerata la forte presenza sul territorio della Provincia di Frosinone di scuole e istituti per la formazione nel campo della danza, ‘LAZIO IN FESTIVAL’ intende implementare l’offerta formativa proponendo uno stage internazionale della durata di un mese e guidato da una delle più rinomate compagnie di danza europee.

 

LEAVE A REPLY