martedì, Febbraio 27, 2024

Area Riservata

HomeMonologoLa delicatezza del poco e del niente al Tangram Teatro

La delicatezza del poco e del niente al Tangram Teatro

Roberto Latini inaugura "Maldipalco 2018"

Roberto LatiniRoberto Latini inaugura la nuova edizione di Maldipalco 2018, la rassegna organizzata ormai da quasi 20 anni dal Tangram Teatro per dare spazio sulla scena a giovani attori Under 32, selezionati fra i più valenti del territorio nazionale. Dal palco il pluripremiato attore declama i versi di Mariangela Gualtieri ammantato in un bianco puro che dalla voce vibra agli occhi, alle orecchie, al tatto degli spettatori e inebria con le parole più conosciute della grande poetessa; un incontro che crea magia. È poi la volta delle giovani attrici selezionate che si presentano con drammaturgie originali e messe in scene semplici ma efficaci. Serena Ferraiuolo, giovane attrice napoletana, porta un’Alcesti trasposta al giorno d’oggi, nella frizzante energia di un amore così grande da sacrificarsi per lui, da morire al posto suo. La drammaturgia di Viola Lucio situa il monologo al momento della sigla del contratto da parte di Alcesti alla presenza di un avvocato soltanto evocato. Alcesti cucina, racconta, evoca, piange, si dispera, sorride e mangia, memorando il passato trascorso con Admeto. Un testo efficace per un’interpretazione generosa, anche se ancora un poco ingabbiata in meccanismi tecnici, tra i quali si intravede la grande capacità recitativa della Ferraiuolo. A seguire “Lady Grey” di Will Eno con Alice Giroldini, attrice parmigiana diplomata al Teatro Stabile di Genova. Scelta coraggiosa per la giovane interprete che si presenta in uno sgargiante vestito grigio ed una sedia, dialogando per tutta la durata del monologo con il pubblico, di cui è specchio, da cui trae coraggio, incitamento, ma anche frustrazione e dubbi. La Giroldini si dimostra attenta e presente, sempre in relazione agli spettatori con cui instaura fin da subito un feedback concreto e vero, portandoli a spasso nelle tortuose vicende di una drammaturgia complessa e fatta di narrazioni lasciate sospese, sbocconcellate, rivisitate e mai del tutto spiegate. Nel complesso un’interpretazione convincente che rischia talvolta di ricadere nel monotonico e ripetitivo, ma sempre resa viva dalla grande verve dell’attrice.

———-

Visto venerdì 23 novembre 2018 al Tangram Teatro – Via Don Orione, 5 – Torino

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Most Popular