Anà-Thema Teatro pubblica “Ad un metro di distanza”

Trenta racconti, frutto di attori e amici della compagnia, per non fermarsi nel momento difficile dell’emergenza e per sostenere le attività del Teatro oltre che per “accorciare le distanze con il nostro pubblico”

0
377

Ad un metro di distanzaUn libro in cui sono stati raccolti racconti, storie, poesie testimonianze, trenta in tutto, frutto di alcuni attori o semplici amici della compagnia diventata negli anni una vera e propria famiglia. Un volume fresco di pubblicazione per “non fermarsi in questo difficile momento”.

È finalmente disponibile su Amazon e, a breve, anche nelle librerie, “Ad un metro di distanza”, libro fortemente voluto da Anà-Thema Teatro che cerca, così, di reagire al fermo delle attività teatrali dovuto alle restrizioni causate dall’epidemia da Covid 19. «Un modo per iniziare a tirare quella corda – spiega il regista, attore e direttore artistico della compagnia, Luca Ferri – affinché si apra lentamente di nuovo il sipario e ricomincino gli spettacoli dal vivo».

Quella corda l’hanno presa in mano in tanti, bambini, adulti, amici e attori della compagnia. Ognuno di loro, a suo modo, ha scritto un breve testo con un unico tema portante, il metro di distanza. «Una partecipazione talmente genuina – ammette Ferri – che ci ha commosso. Non appena, infatti, abbiamo raccontato loro dell’idea di scrivere un libro su questo periodo di quarantena per sostenere le nostre attività, hanno risposto in tantissimi fin da subito».

L’intero ricavato dalle vendite servirà a sostenere le attività culturali della compagnia e del teatro che anche in questi mesi di arresto forzato non si sono comunque mai fermate, spostandosi dalla platea fisica del teatro della Corte di Osoppo (Udine) al web o alla televisione. Ogni giorno, infatti, sono tantissime le proposte che Anà-Thema ha proposto sulla sua pagina Facebook, da lezioni di yoga a letture, da piccoli concerti agli immancabili appuntamenti con l’amatissimo commissario Matranga. Ma anche sul piccolo schermo, con la proiezione in Tv di repliche di spettacoli della compagnia andati in scena nelle precedenti stagioni sui palcoscenici di tutta Italia.

«Un giorno – prosegue Ferri – ricorderemo quel metro di distanza che ci ha separati per molto tempo dal nostro pubblico. Lo ricorderemo dicendo: “Ti ricordi di quando non potevamo abbracciarci?”. Allora capiremo l’importanza di quei piccoli gesti che in realtà sono talmente grandi da riempirci il cuore. Con questo libro – conclude – abbiamo voluto accorciare le distanze».

La copertina del volume, che come ricordato è acquistabile su Amazon e a breve nelle librerie, è stata realizzata dall’illustratore Massimiliano Riva.

LEAVE A REPLY