“Semper fidelis, ovvero il vaso di Pandora”

Recensione di Vito Fabio

127

“Semper fidelis, ovvero il vaso di Pandora” piace agli spettatori

Primo assaggio al teatro comunale di Badolato (Cz), lo spettacolo debutterà a Brescia al “Wonderland festival”

Anteprima nazionale al teatro comunale di Badolato (Cz) di “Semper fidelis, ovvero il vaso di Pandora” lo spettacolo scritto e diretto da Saverio Tavano (assistenti: Francesco Gallelli, Luca Napoli e Francesco Palmiero; responsabile di produzione: Luca Michienzi) che debutterà ufficialmente il 2 dicembre a Brescia al “Wonderland festival”, per la nuova produzione della compagnia del “Teatro del carro Pino Michienzi”. Con la scenografia di Fabio Butera, Semper fidelis è un ritratto privato di una famiglia come tante, dove gli abusi di potere del padre – un stereotipato uomo delle forze dell’ordine  -, sono evidenti fin dai primi minuti dello spettacolo, ma vengono rivelati o confermati con il procedere della narrazione. E’ in questo aspetto il punto di forza della messinscena, la scrittura: “Tavano dimostra ancora una volta in questo spettacolo – si legge in una nota di Carmen Loiacono – una padronanza delle parole che gli permette di dosarle con sapienza tale da gettare indizi in ogni battuta e fornire quei puntini che si riesce a mettere insieme solo alla fine dello spettacolo, delineando infine il quadro completo. Nei fatti, in Semper fidelis accade poco: tutto verte sul racconto, attraverso dialoghi, mezze parole, silenzi del militare seduto a tavola insieme a sua moglie e suo figlio. Anche lo scandire del tempo – dalle gite al mare ai giorni trascorsi -, è dato dai dettagli: finanche uno spezzatino e il modo con cui si taglia la carne nella sua preparazione segnano il tempo che passa, oltre a fornire una speranza conclusiva da parte dei “sopravvissuti” ”.

Ad interpretare i personaggi (nelle parti dei componenti di una famiglia qualunque: padre, madre, figlio, seduti per tutto lo spettacolo intorno a un tavolo) un Vincenzo Tripodo che bene ha saputo portare sul palco un ruolo odioso, che riesce a mettere d’accordo il pubblico – a fine serata, nel confronto in sala tra attori e regista, in molti hanno manifestato la loro forte antipatia per il padre della famiglia di scena -, una Margherita Smedile molto brava nella parte di una donna remissiva ma non troppo, come una belva protettiva e disposta a tutto per il proprio figlio, “e un altrettanto interessante Marco de Bella, – continua la Loiacono – nei panni di un aspirante mimo, con tanto di cerone in volto, osteggiato – ma va? – dal padre che lo vorrebbe più “maschio” e concreto”. 

Un altro aspetto notevole del Semper fidelis di Tavano è la quasi totale assenza di elementi scenici: dal telefono che squilla continuamente – con la Smedile a farne la suoneria -, alle stoviglie utilizzate per lo spezzatino, passando per la pistola di ordinanza del militare, a parte il tavolo e le sedie sul palco non c’è altro. Tutto è un continuo appello all’immaginazione dello spettatore, oltre che alla sua concentrazione, a dispetto della facilità con cui Semper fidelis si fa seguire, senza perderne una virgola, con un’attenzione continua per l’intera durata dello spettacolo, dal coinvolgimento assicurato.