MAD – Murate Art District di Firenze propone :la mostra fotografica che unisce il Gange all’Arno

La mostra sarà inaugurata venerdì 3 dicembre alle 17.3

343
XXX Holy journeys into the spiritual heart of India, Indien, Rishikesh, Asien, Dritte Welt, Reportage, Alltag, Alltagsleben, ***Keine Social_Media Nutzung***

Un viaggio iniziato nel 1996 dalle acque del Gange, in India, e approdato nel 2020 in quelle dell’Arno a Firenze. È “Rivers”, la mostra del fotografo tedesco Peter Bialobrzeski, che sarà visitabile dal 3 dicembre al 15 gennaio 2022 al MAD – Murate Art District di Firenze (dal martedì al sabato, ore 14.30-19.30 in piazza delle Murate, ingresso gratuito). L’esposizione sarà allestita in occasione del 21° River River to River Florence Indian Film Festival, l’unico festival in Italia che racconta il volto dell’India contemporanea, diretto da Selvaggia Velo, in programma dal 3 all’8 dicembre presso il cinema La Compagnia a Firenze (via Cavour 50/R) e online su Più Compagnia in collaborazione con MYmovies (www.mymovies.it/ondemand/river-to-river). In collaborazione con fsm – Fondazione Studio Marangoni.

Bialobrzeski accompagna lo spettatore attraverso alcuni dei fiumi più iconici al mondo, dal Yangon River nel Myannmar (2016) al fiume Elba ad Amburgo (2004), dalle acque del fiume Aji a Osaka, in Giappone (2015), a quelle del possente Yangtze a Wuhan, Cina (2017), e di molti altri. Un viaggio simbolico tra paesi, culture e paesaggi diversi attraverso il fluire dell’acqua e della sua energia vitale. I lavori di Bialobrzeski sono stati esposti in Europa, USA, Asia, Africa e Australia. Ha vinto numerosi premi tra cui il prestigioso World Press Photo Award nel 2003 e nel 2010.

“Le immagini presentate in ‘RIVERS’ hanno fatto parte di alcuni miei progetti nel corso del tempo, ma il loro denominatore comune è quello di raccontare il ruolo del fiume nel contesto urbano e sociale della società a cui appartiene — racconta l’autore Peter Bialobrzeski — Le culture e la storia dei popoli sono molto differenti tra loro, il sacro Gange a Varanasi in India, ad esempio, è fondamentalmente un essere spirituale, mentre altri fiumi trovano il loro significato prevalentemente nel commercio e nelle infrastrutture.” 

La mostra sarà inaugurata venerdì 3 dicembre alle 17.30, alla presenza di partner e istituzioni, con un talk che vedrà protagonista il fotografo in dialogo con Martino Marangoni (info e prenotazioni info.mad@musefirenze.it/055.247687). Alle 18.00 l’esposizione sarà aperta al pubblico. A seguire, sarà Rajat Kapoor, il regista simbolo del cinema indipendente indiano, a aprire la kermesse di cinema alle ore 20.30 al Cinema La Compagnia con “RK/RKay”, una commedia meta-cinematografica che ricorda il Woody Allen de “La rosa purpurea del Cairo”. RK è un regista intento a realizzare un nuovo film in cui interpreta anche il personaggio principale: Mahboob. Un pomeriggio, RK riceve una chiamata dalla sala di montaggio: Mahboob è fuggito dalla pellicola per entrare nel mondo reale; solo ritrovandolo sarà possibile terminare le riprese.

34 le proiezioni in programma, tra lungometraggi, documentari e corti, serie web e film d’artista in prima internazionale e europea. Numerosi gli ospiti che si alterneranno sul palco e in collegamento, per presentare storie di riscatto, di coraggio che porta al cambiamento, di empowerment femminile, come l’immagine scelta per il manifesto: una donna, simbolo di vita e rinascita. Non solo cinema al River to River Florence Indian Film Festival ma anche talk, lezioni di cucina e tanti eventi speciali per “un’esperienza India” a 360°.

Peter Bialobrzeski muove i primi passi come fotografo per un giornale locale di Wolfsburg in Germania, sua città natale. A seguito di numerosi viaggi in Asia torna a studiare fotografia alla Folkwangschule di Essen e alla LCP di Londra. Negli ultimi diciassette anni ha pubblicato diciassette libri. Il suo lavoro è stato esposto in Europa, USA, Asia, Afrika e Australia e ha vinto numerosi premi tra cui il prestigioso World Press Photo Award nel 2003 e nel 2010. Dal 2002 Peter è professore ordinario di fotografia presso l’Università delle Arti di Brema/Germania e gestisce workshop in tutto il mondo. È rappresentato dalla Laurence Miller Gallery di New York, LA Galerie a Francoforte/Germania e espone con la Robert Morat Gallery di Berlino e alla m97 Gallery di Shanghai. Nel 2012 è stato insignito dell’Erich Salomon Award dalla German Society of Photographers (DGPh).

Il River to River Florence Indian Film Festival si svolge con il Patrocinio dell’Ambasciata dell’India e del Comune di Firenze, sotto l’egida di Fondazione Sistema Toscana, ed è realizzato con il contributo di Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Cinema e Audiovisivo, Regione Toscana e Fondazione CR Firenze. Il festival si avvale del sostegno degli sponsor Salvatore Ferragamo, Unione Induista Italiana e Galleria di Lux, i partner tecnici Instyle, Hotel Roma, fsm – Fondazione Studio Marangoni, MAD – Murate Art District, Amblè, Cescot Firenze e Pocket Films e i media sponsor Firenze Spettacolo e RDF.

 

Per informazioni e programma completo: www.rivertoriver.it/edizione-festival-2021

Per le proiezioni al Cinema La Compagnia (Via Cavour 50 r – Firenze) i biglietti sono in vendita alla cassa del cinema o su cinemalacompagnia.ticka.it

Per le proiezioni online programma e biglietti su: www.mymovies.it/ondemand/river-to-river

Per informazioni: www.rivertoriver.it

Per accedere al cinema La Compagnia sarà necessario presentare il Green Pass all’ingresso. Per tutta la durata della proiezione sarà inoltre obbligatorio indossare la mascherina chirurgica o FFP2.