Tre balletti per sostenere gli artisti ucraini al Teatro di Ferrara

Giselle (5 aprile), Il lago dei cigni (9 aprile) e Alice in wonderland (5 maggio).

1217

 Tre spettacoli di danza per sostenere gli artisti ucraini. La Fondazione Teatro Comunale di Ferrara apre le vendite da domani, 23 marzo, per gli spettacoli di “Il Teatro per l’Ucraina”, progetto di solidarietà che con tre date – 5 e 9 aprile e 5 maggio – intende aiutare due compagnie ucraine, l’Ukrainian Classical Ballet e il Circus-Theatre Elysium di Kiev, che allo scoppio del conflitto russo-ucraino si trovavano in tournée fuori dal proprio Paese e che ora, a causa della guerra, sono impossibilitate a tornare. Entrambe hanno chiesto solidarietà al teatro ferrarese per portare avanti il loro lavoro e sostenere così gli artisti coinvolti e le loro famiglie, seppur nelle inimmaginabili avversità, in questo drammatico momento.

L’Elysium di Kiev, in tour in Italia al momento dell’inizio della guerra, sta aggiungendo nuove date grazie alla gara di solidarietà che in pochissimo tempo si è instaurata tra i teatri. Quanto all’Ukrainian Classical Ballet, il Teatro Comunale di Ferrara farà da apripista all’arrivo della compagnia in Italia, che sarà ospitata per una settimana nella città estense. La compagnia sarebbe dovuta rientrare in Ucraina una volta terminata la tournée in Francia e attualmente sta prolungando la propria permanenza a Parigi.

Il Teatro Abbado ha subito risposto all’appello d’aiuto dell’Ukrainian Classical Ballet e, grazie a una rete tra teatri, già altre 10 realtà italiane hanno dato la loro adesione per ospitare gli spettacoli del gruppo diretto da Ivan Zhuravlev. La compagnia riunisce cinquanta eccellenti ballerini e solisti di punta della danza classica ucraina, provenienti dai più prestigiosi ensemble del Paese, e in particolare dall’Opera Nazionale dell’Ucraina Teatro “Taras Shevchenko” di Kiev, dal Teatro dell’Opera e balletto di Odessa, dal Teatro Accademico di Kharkiv e dall’Opera Nazionale di Leopoli.

Dall’eccellente tradizione della danza classica, il 5 aprile alle ore 20.30 viene proposto Giselle, balletto in due atti con la coreografia di Jules Perrot, Jean Coralli e Marius Petipa e le musiche di Adolphe Adam, mentre la stessa compagnia sarà in scena il 9 aprile sempre alle ore 20.30 con Il lago dei cigni, balletto in quattro atti con la coreografia di Marius Petipa e Lev Ivanov e le musiche di Pëtr Il’ič Čajkovski. Entrambi gli spettacoli avranno come solisti le Etoiles dell’Opera Nazionale dell’Ucraina Olga Golitsya e Iurii Kekalo. Insieme a loro anche l’acclamato Jan Vana.

Il 5 maggio alle ore 20.30 torna Alice in Wonderland, show di arte circense appassionante, sofisticato ed elegante, che coinvolge più di trenta atleti, acrobati e ballerini del Circus-Theatre Elysium di Kiev e intreccia molteplici discipline sul palco: la ginnastica acrobatica, la recitazione e la danza. L’atmosfera fiabesca delle avventure di Alice nel paese delle meraviglie, già in cartellone a marzo e ora riproposto, verrà ricreata sul palco del Teatro Abbado grazie alle musiche e alle videoproiezioni con scenari onirici 3D proiettati su enormi schermi a LED.

 

 

 

INFO

Biglietti da 13 a 38 euro per Giselle e Lago dei cigni, e da 13 a 39 euro per Alice in Wonderland. Sono previste riduzioni per senior (over 65), under 30 e abbonati alla stagione di danza e lirica 2019/2020 e gruppi.

Attiva è anche la promozione per le famiglie: per Il lago dei cigni e per Alice in wonderland, per i bambini e ragazzi fino ai 12 anni il costo è di 10 euro (tutti i settori eccetto il loggione) con prezzo dedicato per gli adulti accompagnatori. Per accedere è obbligatorio il Green Pass rafforzato e l’utilizzo della mascherina FFP2.

Informazioni e vendite: 0532.202675 e biglietteria@teatrocomunaleferrara.it e sul sito www.teatrocomunaleferrara.it. Biglietti acquistabili anche sul circuito https://www.vivaticket.com/it/venue/teatro-comunale-di-ferrara/512169059

Orari di apertura della Biglietteria in corso Martiri della Libertà 21 (Ferrara): martedì e mercoledì ore 16-19; giovedì, venerdì e sabato: ore 10-12.30 e 16-19. Lunedì, domenica e festivi: chiuso. Nei giorni di programmazione serale: apertura sino ad inizio spettacolo. In caso di programmazione nei giorni di chiusura o in giorni festivi apertura da un’ora prima della rappresentazione