domenica, Marzo 3, 2024

Area Riservata

HomeCabaretIl Respiro del Pubblico Festival 23

Il Respiro del Pubblico Festival 23

Cantiere Obraz – Firenze

Terza edizione de “Il Respiro del Pubblico Festival 23” – Dal 9 al 28 novembre 2023 a FIRENZE

 “Il teatro è una porta aperta:  il gioco di assenza e presenza fra attore e spettatore”

Martedì 28 novembre 2023 alle 20,45

Firenze – Teatro di Cestello

Piazza di Cestello 4

in scena Sotterraneo con

“Shakespearology”

Martedì 28 novembre 2023 alle 20,45 al Teatro di Cestello a Firenze, in Piazza di Cestello 4, prosegue “Il Respiro del Pubblico Festival 2023”, terza edizione. A cura di Cantiere Obraz con il contributo della Fondazione CR Firenze.

In programma la Compagnia Sotterraneo che mette in scena Shakespearology”. Concept e regia Sotterraneo, in scena Woody Neri, scrittura Daniele Villa, produzione Sotterraneo con il sostegno Regione Toscana, Mibact. Luci Marco Santambrogio, costumi Laura Dondoli, sound design Mattia Tuliozi, tecnica Monica Bosso.

“Shakespearology” è un one-man-show, una biografia, un catalogo di materiali shakespeariani più o meno pop, un pezzo teatrale ibrido che dà voce al Bardo in persona e cerca di rovesciare i ruoli abituali: dopo secoli passati a interrogare la sua vita e le sue opere, finalmente è lui che dice la sua, interrogando il pubblico del nostro tempo.

«È da un po’ di tempo – spiegano dalla Compagnia Sotterraneo – che volevamo usare il teatro per incontrare Sir William Shakespeare in carne-e-ossa e fare due chiacchiere con lui sulla sua biografia, su cosa è stato fatto delle sue opere, su più di 400 anni della sua storia post-mortem dentro e fuori dalla scena».

Per informazioni e prenotazioni: 3281445127 telefono/Whatsapp/info@cantiereobraz.it. Link web per informazioni e prenotazioni: https://cantiereobraz.it/il-respiro-del-pubblico-festival/.

Sotterraneo si forma a Firenze nel 2005 come gruppo di ricerca teatrale composto da un nucleo autoriale fisso cui si affianca un cluster di collaboratori che variano a seconda dei progetti.

Negli anni riceve alcuni tra i più importanti riconoscimenti teatrali a livello nazionale e internazionale: Premio Lo Straniero (2009), Premio Ubu Speciale (2009), Premio Hystrio Castel dei Mondi (2010), Silver Laurel Wreath Award / MESS Festival di Sarajevo (2011) per Dies irae, Eolo Award (2012) per La Repubblica dei Bambini, ACT Festival Prize (2012) e BE FESTIVAL 1st Prize (2012) per Homo ridens, Best of Be Festival (2016)  per Overload_studio, Premio Ubu Spettacolo dell’anno (2018)  per Overload, Premo Scenari Pagani (2019), Premio Ubu Spettacolo dell’anno (2022) per L’Angelo della Storia.

Dal 2015 viene riconosciuto e finanziato dal Ministero dei Beni Culturali. Dal 2007 entra a far parte del progetto Fies Factory creato da Centrale Fies e dal 2013 è compagnia residente presso l’Associazione Teatrale Pistoiese. Dal 2021 è artista associato al Piccolo Teatro di Milano.

“Il Respiro del Pubblico Festival 23” è composto da otto spettacoli dal 9 novembre al primo dicembre 2023 a Firenze tra il Teatro di Cestello e luoghi non convenzionali dell’Oltrarno. A cura di Cantiere Obraz, associazione culturale fiorentina di formazione e produzione teatrale, con il contributo della Fondazione CR Firenze. Un Festival arricchito, come ogni anno, dalla Scuola di Critica Teatrale per Adolescenti “Ciuchi Mannari”.

La volontà del festival è ancora quella di concentrarsi sul ruolo che gioca lo spettatore a teatro «uno spettatore presente e partecipante è oggi necessario nello spettacolo dal vivo – spiegano i curatori del progetto, Alessandra Comanducci e Paolo Ciotti – non solo per il potere che ha di interrompere lo spettacolo e che potrebbe esercitare in ogni momento, ma come polo indispensabile in un teatro vivo, in cui lo scambio fra attore e pubblico sia attivo e centrale. Non si tratta solo di partecipare ad uno spettacolo, ma prendere parte ad un momento collettivo, rituale e politico.

La direzione artistica – “Quest’anno – sottolineano Alessandra Comanducci e Paolo Ciotti – il filo conduttore che lega gli spettacoli è l’immagine dei fantasmi: il concetto di assenza e presenza e di evocazione di qualcosa che manca o che, se c’è, è diverso da come noi lo immaginiamo, ma soprattutto di qualcosa che dialoga dall’altro lato della soglia. Anche gli spettatori sono alle volte fantasmi di cui si avverte solo vagamente la presenza: guardano sulla soglia fra la vita reale e il teatro. E come sempre avviene in teatro, in quel momento si varca un confine in cui ciò che esiste vive solo nel momento di massima finzione.”

Per quanto riguarda gli spettacoli in programma si va dall’evocazione di Shakespeare, al telefono con Sotterraneo (vincitori recentemente del loro terzo Premio Ubu), in Shakespearology, alla totale assenza di attori sulla scena nel Macondo di Mercuriali che coinvolgerá/sconvolgerà il pubblico, al dialogo costante fra attore e personaggio che ci propone Santeramo (vincitore Premio Riccione per la drammaturgia) nel Riccardo III, secondo appuntamento del suo progetto Fantasmi. Torna il Teatro dei Borgia con un nuovo progetto  ben incastonato nella “La Città dei Miti” (vincitore del premio Rete Critica 22 e del premio ANCT 22): Antigone, che ci parla di lutto, di mancanza e di diritto al dolore. Un festival popolato di figure e particolari presenze: da quelle quotidiane e contadine di Ugo Chiti che appaiono  nell’Oltrarno,  al Cupido di Riccardo Rombi che si materializza tra gli uomini come un adulto stanco del suo ruolo, ai grotteschi e surreali personaggi de La Vacca di B.E.A.T. teatro, (spettacolo finalista del Festival edito da Rete Inventaria 23, di cui Cantiere Obraz fa parte da quest’anno), fino alle sei figure di attrici che prendono possesso di Monia Baldini rubandosi la scena e il favore del pubblico una con l’altra.

Il programma del Festival in sintesi – Cantiere Obraz ha scelto di stare in parte dentro il teatro e in parte di uscirne, perseguendo in questo modo quello che da sempre è il suo principale obiettivo: connettersi alla cittadinanza. I titoli in programma si svolgeranno all’interno del Teatro del Cestello e in maniera diffusa nell’ Oltrarno fiorentino.

9/10 novembre alle 19.00 Cimitero Evangelico agli Allori (prima fiorentina) “Antigone. Cerimonia con Canzoni” con il Teatro dei Borgia. 12 novembre alle 16.45 Sala ex Leopoldine, “Riccardo III” con Michele Santeramo, produzione mowan teatro. 16 novembre alle 20.45 al Teatro di Cestello “Macondo”, scritto e diretto da Silvia Mercuriali. 23 novembre alle 20.45 al Teatro di Cestello, “La vacca” di B.E.A.T. teatro. 24 novembre alle 20.45 al Teatro di Cestello, “Be My Guest”, scritto, diretto e interpretato da Monia Baldini. 25 novembre alle 20.45 al Teatro di Cestello, “Non vorrei parlar d’amore” di Catalyst con Riccardo Rombi. 28 novembre alle 20.45 al Teatro di Cestello, “Shakespearology” di Sotterraneo con Woody Neri. 01 dicembre alle 16.45 nella sede di Progetto Arcobaleno, “Bottegai: un delirio, una riflessione, una confessione”, tre monologhi di Ugo Chiti, con Massimo Salvianti, Lucia Socci, Andrea Costagli, produzione Arca Azzurra.

Gli incontri con i critici – “Il Respiro del Pubblico Festival 23” è un progetto ampio, che si compone di un cartellone con ospiti e artisti della scena teatrale nazionale, e la Scuola di Critica Teatrale per Adolescenti “Ciuchi Mannari”, finalizzata alla creazione di un gruppo che, attraverso un percorso di formazione, acquisisca gli strumenti non solo del “fare”, ma anche del “vedere teatro”. Ragazze e ragazzi dai 14 ai 25 anni che, dopo una prima fase teorica, avranno la possibilità di incontrare gli artisti del Festival, assistere agli spettacoli e recensirli, per poi essere pubblicati sulla rivista Gufetto.press.

In cattedra un pool di esperti e critici nazionali. Tra loro Matteo Brighenti (di PAC – Paneacquaculture e Hystrio), la redazione di Gufetto, Michela Mastroianni e Renzo Francabandera (Hystrio e PAC), Rodolfo Sacchettini (Rete Toscana Classica e Radio 3 Rai), Gabriele Rizza (il Manifesto e Il Tirreno) e gli artisti di Cantiere Obraz.

Informazioni generali – Credits “Il Respiro del Pubblico Festival 23” – Ideazione e organizzazione Alessandra Comanducci e Paolo Ciotti. Organizzazione Michela Cioni. Assistenza al progetto Antonella Longhitano. Grafica Thomas Harris. Comunicazione Camilla Pieri. Ufficio Stampa Fabrizio Calabrese.

 Realizzato grazie al contributo di Fondazione CR Firenze.  In collaborazione con Teatro di Cestello, “Ciuchi Mannari”, Associazione Progetto Arcobaleno APS. Si ringrazia Rete Festival Inventaria 2023, il Cimitero Evangelico Agli Allori e l’Associazione Case Memoria e Asce.

Prezzi, abbonamenti e prenotazioni “Il Respiro del Pubblico Festival 22” – Costo biglietto: varia a secondo degli spettacoli. Intero da 14,00 a 16,00 € e ridotto da 12,00 a 14,00 € per Tesserati Cantiere Obraz, allievi Scuole di Teatro, Under 25/Over 65. Abbonamenti: “Amici dei Ciuchi” (under 25 e tesserati Cantiere Obraz): 8 spettacoli > 80 € – 5 spettacoli > 55€ – 3 spettacoli > 30 € / “Il Respiro del Pubblico”: 8 spettacoli > 100 €, 5 spettacoli > 65 €, 3 spettacoli > 35 €

 Web e social Cantiere Obraz – Sito: https://www.cantiereobraz.it / Facebook: https://www.facebook.com/cantiere.obraz / Instagram: https://www.instagram.com/cantiereobraz / Youtube: https://www.youtube.com/channel/UC-URCtPcXz-cdDjH_zeoQAA

RELATED ARTICLES

Most Popular