Vanessa Scalera ne La Storia di Re Lear

Spettacolo in streaming sulla piattaforma ATCL Magazine - Argot Produzioni Mittente Theatron 2.0 Press OfficeAdd contact

0
387
foto di Manuela Giusto

Giovedì 17 e lunedì 21 dicembre alle ore 21.30, nell’ambito della rassegna La rete dei teatri per il programma Rossellini in streaming sulla piattaforma ATCL Magazine (http://atclmagazine.it/) nella sezione LIVE va in scena “La storia di Re Lear” la nuova produzione di Argot Produzioni e Pierfrancesco Pisani.

Lo spettacolo è stato selezionato tramite l’Avviso volto alla ricerca di progetti di spettacolo dal vivo, di animazione artistica e culturale delle Associazioni del Lazio – #LAZIOInscena – promosso da ATCL Circuito Multidisciplinare dello spettacolo dal vivo della Regione Lazio.

Lo spettacolo con Vanessa Scalera accompagnata dalle sonorizzazioni live di Antonello Aprea, per la regia di Francesco Frangipane, realizzato sul palco dello Spazio Rossellini, è tratto dal testo di Melania Mazzucco – autrice di numerosi libri, tradotti in 27 Paesi – che ricerca le radici della vicenda, risalente agli anni in cui Romolo tracciò con l’aratro il solco sul colle Palatino per fondare Roma, fino al momento in cui William Shakespeare la rielaborò per comporre il capolavoro conosciuto.

La storia di Re Lear e delle sue tre figlie viene da molto lontano, dalla notte dei tempi, si potrebbe dire… Una storia che hanno raccontato un po’ tutti: dai menestrelli alle corti dei principi alle nonne davanti al camino. Con il passare del tempo le persone smisero di credere alle favole, ma un bel dì arrivò Shakespeare e capì che in questa barbara vicenda di re, conti, principi e principesse, mancava il coro, cioè una persona semplice, che dicesse parole in cui gli spettatori potessero riconoscersi, insomma la verità e così riscrisse tutto.

Raccontò Re Lear a modo suo, e lo fece così bene e con parole così giuste che, dopo, se qualcuno avesse voluto raccontare Re Lear, avrebbe dovuto prendere la sua versione. Da allora, Re Lear ha avuto un’infinità di rappresentazioni, traduzioni, riduzioni e adattamenti e questa è una di quelle.

Le due repliche andranno in scena sulla piattaforma ATCL Magazine (http://atclmagazine.it/) nella sezione LIVE e saranno visibili gratuitamente.

Spazio Rossellini, Polo Culturale Multidisciplinare della Regione Lazio, animato da ATCL Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio con il coordinamento artistico progettuale di Katia Caselli.

Vanessa Scalera – attrice con un solido background teatrale, interprete cinematografica per grandi registi come Marco Bellocchio, Michele Placido, Nanni Moretti, Marco Tullio Giordana e tra le più amate per la sua formidabile interpretazione del sostituto procuratore Imma Tataranni nell’omonima fiction di Rai Uno.
Si diploma come attrice alla scuola teatrale “La Scaletta” e inizia il suo percorso debuttando a teatro con Johnny Dorelli e poi con Massimo Dapporto. Nel 2000 fa la sua prima apparizione cinematografica con il film “Mari del Sud” di Marcello Cesena. Decisivo nella sua carriera è l’incontro con il regista Marco Bellocchio che la dirige nei film “Vincere” del 2008, “Bella Addormentata” del 2012 e nel cortometraggio “Per una rosa”, e che scrive lo spettacolo teatrale “Oreste”, nel quale la Scalera recita diretta da Filippo Gili. Per il teatro collabora assiduamente per molti anni con Filippo Gili e Francesco Frangipane che firmano le regie di spettacoli di grande successo di cui è protagonista come “Prima di andar via”, “Dall’alto di una fredda torre” e “Sistema Cechov”.

Al cinema lavora anche con Nanni Moretti nella pellicola “Mia madre” in cui interpreta il ruolo di Francesca.

Nel 2015 è la protagonista del film per la televisione “Lea” per la regia di Marco Tullio Giordana con cui riscuote grande successo e numerosi riconoscimenti sia in Italia che all’estero interpretando Lea Garofalo, testimone di giustizia italiana, vittima della ‘ndrangheta. Successivamente viene diretta nuovamente da Marco Tullio Giordana nel film “Nome di donna” e sempre per il cinema da Guido Lombardi nel film “Il ladro di giorni”. A teatro dal 2016 al 2018 è la coprotagonista di Silvio Orlando in “Lacci” opera scritta da Domenico Starnone. Nel 2019 porta in scena un altro testo di Domenico Starnone, “Autobiografia erotica” con la regia di Andrea De Rosa che la vede sul palco insieme a Pier Giorgio Bellocchio. Nel 2019 arriva il grande successo con la nuova serie Rai “Imma Tataranni – sostituto procuratore” tratto dai romanzi di Mariolina Venezia per la regia di Francesco Amato. Il 2020 vede anche la sua partecipazione nella serie tv per Sky di Matteo Rovere “Romulus”, nel ruolo di Silvia.

Nell’estate del 2020 torna al teatro debuttando al Festival Shakesperiano di Verona con la Storia di Re Lear, riscrittura di Melania Mazzucco diretta da Francesco Frangipane.

LEAVE A REPLY