lunedì, Marzo 4, 2024

Area Riservata

HomeCatanzaro"Cosa ti cucino, amore?" fa breccia al Grillo

“Cosa ti cucino, amore?” fa breccia al Grillo

Nel caratteristico teatro di cui è direttore artistico Claudio Rombolà va in scena una bella storia di equivoci, fraintendimenti e vari colpi di scena

Grande attesa per domenica prossima 17 dicembre in due appuntamenti che si terranno nella stessa giornata nel caratteristico teatro del Grillo di Soverato (Catanzaro) di cui è direttore artistico Claudio Rombolà con: “Cosa ti cucino, amore?” di e per la regia di Linda Brunetta con protagoniste le attrici Caterina Casini, Maria Cristina Fioretti, Carlina Torta per una produzione dei Laboratori permanenti/Seven cults.

In pratica si tratta del solito scherzo del destino che riunisce a casa di Silvia, la sera del suo compleanno, la svagata vicina Eleonora e Doga, un’interprete turca di passaggio, unica ospite del suo improvvisato Bed & breakfast. Il marito di Silvia, Tito, è il grande assente, di cui si parla continuamente. Solo alla fine le due invitate, che hanno fatto di tutto per divertire la “povera” Silvia, capiranno dov’è sparito Tito e nello stesso istante perché sono state coinvolte nei preparativi di una festa senza invitati.

Una sarabanda di equivoci, fraintendimenti, colpi di scena. Uno humour sarcastico e surreale, che gioca con il linguaggio, i luoghi comuni, le convenzioni, le apparenze, svelando la doppia e tripla natura dei personaggi, allo stesso tempo profondi e superficiali, crudeli e innocenti, scaltri e ingenui.

L’amore, la morte, la pasta per le tagliatelle, la danza del ventre, tutto ha lo stesso peso, entra a far parte del gioco, nell’unità di uno spazio scenico, che ha la dimensione molto femminile di una semplicissima cucina, dove può succedere e succede di tutto.

Gli ingredienti della commedia e della vita delle tre donne e si mescolano, si impastano, si mangiano e si buttano, come quelli per preparare i cibi della festa sul grande tavolo che domina la scena. Nell’arco di poco più di un’ora, assolutamente in tempo reale, le tre donne, che fino ad allora nemmeno si conoscevano, si scontrano e si confrontano, si alleano e si detestano, ridono e si commuovono, inventano storie, leggende, bugie e grandi verità, trasformandosi completamente e alla fine trovando anche un modo per stare insieme affrontando allegramente una nuova vita.

E’ uno spettacolo comico, nella direzione stilistica dello humour nero inglese, dove, coniugando understatement e situazioni paradossali, non si ricorre alle facili battute, ma si coinvolge lo spettatore in modo sottile, spiazzandolo e sorprendendolo, per ritrovare un’ironia al femminile moderna e originale.

RELATED ARTICLES

Most Popular